Tutte 728×90
Tutte 728×90

Carboni: «Oggi volevo vedere l’anima della Juve Stabia, anche se…»

Carboni: «Oggi volevo vedere l’anima della Juve Stabia, anche se…»

Il tecnico campano Guido Carboni, che ricorda Gigi Marulla, ammette: «Sullo 0-3 gli abbiamo consentito di riaprire la partita e siamo andati nel panico».

Et voilà. La Juve Stabia resuscita e c’è già chi sostiene che la mano del neo tecnico Carboni si sia vista. Di sicuro la gara delle Vespe è stata caratterizzata da una gran voglia di fare risultato al cospetto del solito Cosenza che, soprattutto nell’ultimo periodo, dimostra di avere grosse lacune a livello difensivo. A fine gara questa l’analisi del tecnico Carboni. “Al di là del risultato a cui tenevamo contro una squadra forte, noi venivamo da un periodo un po’ così. Avevamo perso sicurezza. E si è visto anche oggi. Sullo 0-3 gli abbiamo consentito di riaprire la partita e siamo andati nel panico. Per me oggi era importante vedere l’anima di questa squadra. Poi con qualche settimana in più e recuperando gli infortunati proveremo a fare del nostro meglio. Il Cosenza? Basta guardare i nomi e capisci che è una squadra di categoria di cui bisogna avere timore. Caccetta, Letizia, Baclet sono giocatori importanti. Siamo stati bravi noi a sfruttare le ripartenze. Per un’ora siamo stati bravi, attenti e capaci di sfruttare gli spazi concessi dal Cosenza”. Infine, una lacrima. “Voglio salutare la famiglia di Gigi Marulla. Non avevo ancora avuto modo di farlo. Conoscevo Gigi per aver fatto insieme a lui il corso di allenatore, un ragazzo davvero splendido”. (co.ch.)

Related posts