Tutte 728×90

La Brutium imbocca il sentiero della salvezza. San Fili steso 2-0

La Brutium imbocca il sentiero della salvezza. San Fili steso 2-0

Ponzio e Serafino Scarlato regalano tre punti d’oro alla truppa di Nocito. La Brutium Cosenza crede fortemente nella possibilità di evitare i playout e salvarsi direttamente.

La Brutium Cosenza ha giocato da veri lupi. Il 2-0 rifilato al più quotato San Fili ha il sapore della salvezza perché se il campionato fosse finito oggi la truppa di Nocito potrebbe stappare lo champagne. In virtù degli scontri diretti i rossoblù sarebbero fuori dalla zona calda, ma anche la Garibaldina non disputerebbe gli spareggi perché vanta dieci punti sulla penultima (clicca qui per risultati e classifica).

La partita è stata decisa nella seconda frazione di gioco, con grande spirito di sacrificio ed una prestazione fuori dall’ordinario. La Brutium riesce a sbloccare il risultato grazie ad un imperioso stacco di Ponzio sugli sviluppi di un corner. E’ il 15′ quando il difensore goleador, capitano della squadra e calciatore con più presenze nella storia del club, spiana la strada alla vittoria. Il raddoppio arriva alla mezz’ora. Serafino Scarlato  batte Russo con un preciso diagonale sul quale il portiere avversario nulla può.

La partita sostanzialmente finisce qui perché la Brutium contiene le velleità del San Fili. C’è anche un’altra nota lieta per i padroni di casa: torna in campo dopo più di un mese Alessandro Fiumara.

Il tabellino:
BRUTIUM COSENZA (4-3-3): Fabiano; Urso, Ponzio, Ferraro, Greco; Principato (22′ st Attanasio), Casciaro, Caruso (38′ st Coscarelli), S. Scarlato; De Carlo (11′ st Fiumara), Filareti. In panchina: Iusi, Manneh, Irace, G. Scarlato. All: Nocito
SAN FILI (4-3-3): Russo; P. Muraca, Avolio (46’ Tenuta), Raso, Aloisi (1’ st Spadafora); Muraca, Lucchetta, Facciolla; Giacco, Burgo (15’ st Pasqua), Gallo. In panchina: Sesti, A. Prete, R. Prete, De Cicco. All: Stranges
ARBITRO: G. Avolio di Rossano
MARCATORI: 15’ st Ponzio, 32’ st S. Scarlato
NOTE: partita disputata presso il C.S. “Marca” di Cosenza

Related posts