Tutte 728×90

Pallanuoto M., il Cosenza cade contro la Basilicata 2000 (8-7)

Pallanuoto M., il Cosenza cade contro la Basilicata 2000 (8-7)

La formazione di Perez si fa superare in classifica. Il Cosenza Nuoto non ha mollato anche se in formazione drasticamente ridotta dalle espulsioni.

Sconfitta di misura per il Cosenza Nuoto, battuto alla Scandone per 8-7 al termine di una partita incandescente. I ragazzi di Perez non hanno mai mollato, neanche quando  sono rimasti in formazione drasticamente ridotta dalle espulsioni, e nel finale hanno avuto anche l’occasione per portare punti a casa. Ne è venuta fuori una sconfitta che desta rammarico per una gara che poteva andare diversamente e anche per qualche scelta arbitrale che i cosentini hanno contestato.

Il risultato è il sorpasso in classifica della Basilicata 2000 e ancora qualche nota stonata, ma fra i tanti dati da analizzare per Perez, spicca il gol del giovane Emilio Palermo, che sta scalando posizioni e ha mostrato di poter stare bene in questo gruppo. Sua l’ultima rete in una gara che ha visto il Cosenza Nuoto andare sotto nei primi due tempi e incassare l’espulsione di Perez. Poi la reazione, i gol del giovane mancino Mascaro e un ultimo parziale con tre uomini fuori per somma di espulsioni. La rimonta non si è concretizzata e la Basilicata 2000 ha festeggiato il sorpasso.

Cosenza Nuoto fermo a 13 punti, battuto ma coraggioso su un campo ostico. La salvezza dovrà essere costruita fra le mura amiche e le occasioni non mancheranno alla squadra di Perez per chiudere anticipatamente la missione.

BASILICATA 2000 – COSENZA NUOTO 8-7
(2-1; 3-2; 2-2; 1-2) 
BASILICATA 2000: Lanzetta, Di Palma 1, Centanni, Fedeli, Bruschini 2, Cantarella, Giugliano, Di Martire G. 2, Zizza, Varriale, Campese 1, Maciulo 2, Di Martire F.
COSENZA NUOTO: Guaglianone, Perez, Cerchiara 1, Chiappetta 1, Stellato, Ponte, Aloi, Cavalcanti, Mascaro 3, Fasanella, Manna 1, Palermo 1, Morrone.
NOTE: superiorità: Basilicata: 2/12più un rigore; Cosenza 4/7. Espulso Perez al secondo tempo e Fasanella al quarto. Usciti per limite falli Mascaro, Ponte e Chiappetta al quarto tempo.

Related posts