Tutte 728×90
Tutte 728×90

Accessibilità e inclusione, se ne discute a Spezzano Sila

Accessibilità e inclusione, se ne discute a Spezzano Sila

Si è tenuto nei giorni scorsi il primo incontro del tavolo tecnico sull’accessibilità nel Comune di Spezzano Sila. L’iniziativa è stata fortemente voluta dalle componenti e dalla Presidente della Commissione Pari Opportunità Maria Cristina Guido.

Si è tenuto nei giorni scorsi il primo incontro del tavolo tecnico sull’accessibilità nel Comune di Spezzano Sila. L’iniziativa è stata fortemente voluta dalle componenti e dalla Presidente della Commissione Pari Opportunità Maria Cristina Guido. Il primo incontro ha visto una partecipazione nutrita in quanto hanno preso parte i responsabili dei servizi sociali e dell’ufficio manutentivo del Comune, le assistenti sociali, le associazioni di volontariato che si occupano di assistenza alle persone con disabilità tra Spezzano Sila e Camigliatello, il Presidente della Pro loco di Camigliatello, una rappresentante dell’Istituto comprensivo “B. Telesio”, gli assessori ed il sindaco Salvatore Monaco.

Molto significativa la partecipazione al tavolo di una nutrita rappresentanza della Terra di Piero, l’associazione che ha dato vita a Cosenza al primo parco inclusivo del Meridione. Roberto Giacomantonio, Eliseno Sposato jr., Sergio De Luca ed Eliseno Sposato sr. che hanno illustrato il lavoro che la Terra di Piero ha svolto in diverse realtà della provincia di Cosenza, anche attraverso momenti di formazione per operatori e che hanno sviluppato quel senso civico che consente ad una comunità di crescere.

«Non posso che ritenermi soddisfatta di questo primo incontro – dichiara la Guido – in quanto tutti coloro che hanno preso parte all’incontro hanno consentito un arricchimento e l’acquisizione di una maggiore consapevolezza delle difficoltà che ogni giorno le persone con disabilità si trovano a dover affrontare. Vogliamo rendere Spezzano e Camigliatello un luogo inclusivo ed accessibile a tutti, dalle mamme con bambini ai portatori di handicap, alle persone con disabilità. Per far questo ci muoveremo su due binari che sono la formazione e l’adeguamento delle strutture ed infrastrutture comunali per come prevede la legge. Ringrazio di cuore tutti i partecipanti che hanno fornito le loro competenze nel campo e che le metteranno ancora una volta al servizio della comunità. Oggi siamo tutti più ricchi e intraprendiamo un percorso che sarà sicuramente lungo ma ricco di gratificazioni».

Related posts