Tutte 728×90
Tutte 728×90

Ipotesi girone B per il Cosenza. Toscano: “Ho avuto paura. Questo non è calcio”

Ipotesi girone B per il Cosenza. Toscano: “Ho avuto paura. Questo non è calcio”

Possibile che i silani vengano inseriti nel girone B di Seconda Divisione dopo gli scontri di Norcia. Il tecnico Toscano ritorna sui fatti di domenica. “Sono felice che mia moglie non sia venuta”.

scontri_tra_cosentini_e_senesi_foto_quotidiano.net_2.jpgL’ipotesi c’è ed è da tenere in debita considerazione in particolar modo dopo quanto accaduto domenica a Norcia. La Lega Pro, Macalli in primis, sarebbe orientata a questo tipo di “pena” per il club silano. Questo eviterebbe sanzioni più pesanti per il Cosenza calcio dopo l’avvertimento lanciato dal dg Mirabelli (“potremmo anche non partecipare al campionato”). Spostando la squadra di Toscano nel girone B si eviterebbero tre derby (Catanzaro, Lamezia, Vibo) e altri incroci pericolosi (Monopoli, Cisco Roma). Entro la fine di questa settimana, non oltre l’inizio della prossima, sapremo quale destino attende i rossoblù. Nel girone B i rossoblù troverebbero: Bassano, Bellaria, Carrarese, Cuiopelli, Figline, Giulianova, Gubbio, Itala San Marco, Poggibonsi, Prato, San Marino, Sangiovannese, Colligiana, Rovigo e Viareggio (L’Isola Liri verrebbe dirottato nel girone C).
Intanto nel culn rossoblù c’è poca voglia di parlare dopo quanto accaduto domenica pomeriggio. Solo Mimmo Toscano, intervistato dal “Quotidiano”, ha rilasciato una battuta veloce e concisa. “Ho avuto paura per donne e bambini – ha detto Toscano al giornalista umbro – questo non è calcio e non voglio colpevolizzare nessuno. Sono felice che mia moglie, all’ultimo istante, non mi abbia fatto visita”. Un Toscano abbastanza scosso da quanto accaduto ma che precisa. “Gli inquirenti sono al lavoro per far luce. Noi pensiamo solo a lavorare”. Dal tecnico silano ad un albergatore umbro che non si capacita di quanto accaduto. “Norcia è una città tranquilla popolata da cinquemila abitanti. In passato abbiamo avuto tifoserie calde come quella della Lazio, il Napoli. Ma mai si era vista tanta violenza”.
Sul fronte delle indagini ci sono da segnalare due arresti (si tratta di due ragazzi di Amantea) che sono stati trasferiti nel carcere di Paola. I due, mentre si stavano dirigendo alla Questura di Cosenza, sono stati bloccati in auto dai carabinieri di Amantea. E’ arrivata la sentenza, invece, per il tifoso bloccato in Umbria. Per lui un anno e quattro mesi di carcere e tre anni di DASPO. Le indagini stanno comunque andando avanti e si cercando almeno altre sette persone.

Related posts