Tutte 728×90
Tutte 728×90

Vibonese-Cosenza: le interviste

Vibonese-Cosenza: le interviste

Per Parisi distorsione al ginocchio. Domani prevista una risonanza per conoscere l’entità dell’infortunio. I due ex dell’incontro “cobra” Galantucci e Moschella: “E’ stato stupendo”.

festa_squadra2.jpgVincere ha sempre un sapore particolare. Farlo recuperando e per giunta con un uomo in meno ancora di più. L’impresa dei ragazzi di Toscano a Vibo permette di vedere tutti dall’alto in basso anche se in compagnia di Cassino e Scafatese. Così come nella passata stagione, anche quest’anno il Cosenza vuole avere un ruolo da protagonista. A sottolinearlo a fine gara è il difensore, Ivan Moschella, autore del gol da tre punti. “Con questa vittoria abbiamo dato un segnale al campionato e alle squadre che insieme a noi lotteranno per conquistare la promozione in LP1”. Moschella, subentrato all’infortunato Parisi, commenta così l’inizio di stagione. “Cominciare con il piede giusto è sempre importante. Sappiamo quanto valiamo e settimana dopo settimana dovremo dimostrarlo”. Poi una dedica tutta particolare. “Voglio dedicare il gol a mia moglie”.  Da un ex ad un altro. Per Alessio Galantucci, beccato per tutta la gara da alcuni tifosi “abusivi” di casa, si è trattato di una grande rivincita anche se il “Cobra” sorvola. “Era importante vincere anche se, sinceramente, sarebbe stato di tutt’altro sapore farlo dinanzi ai nostri tifosi”. Il Cosenza dopo due vittorie è in testa insieme a Cassino e Scafatese. “Troppo presto per parlare – aggiunge Galantucci -. Era importante portare a casa un risultato positivo. Ora guardiamo alla prossima contro la Vigor. Dobbiamo sempre cercare di dare il massimo”. Dagli autori dei gol a chi di gol non ne ha segnato ma ha comunque disputato una gara egregia come Emanuele Catania. “Dispiace che i nostri tifosi non hanno potuto condividere con noi questa vittoria. E’ stata una partita strana. Sembrava che la palla non volesse entrare. Poi, nel giro di sessanta secondi, siamo riusciti a ribaltare il risultato compiendo un’impresa difficile da dimenticare”. Dello stesso avviso Roberto Occhiuzzi. “Mentre esultavamo con alcuni compagni ci siamo guardati, quasi a dire che con i nostri tifosi davanti avrebbe avuto un altro sapore. Però, sono convinto che abbiamo ugualmente regalato una grande gioia a tutti gli sportivi cosentini”. Anche per Occhiuzzi una dedica particolare. “Questa vittoria è per mia sorella Maria Asssunta che domani si sposa”. Roberto, ovviamente, farà da testimone. A lui e alla famiglia Occhiuzzi gli auguri di Cosenza Channel. (Antonello Greco, foto Andrea Rosito)

Related posts