Tutte 728×90
Tutte 728×90

Solo un’infiammazione al collaterale per Parisi. Massimo una settimana di stop

Solo un’infiammazione al collaterale per Parisi. Massimo una settimana di stop

Il capitano del Cosenza, infortunatosi ieri in uno scontro di gioco, è stato visitato questa mattina dal dottore Canonaco. Il pericolo di un grave infortunio è scampato. Il rientro previsto con la Vigor?

parisi_in_barella.jpgProverà a farcela già per il derby di domenica prossima. Perché lui è un combattente, perché lui non molla mai. Ieri in tanti hanno pensato al peggio. Inutile nasconderci, quando si fa male uno dei giocatori più importanti esce fuori quel senso di protezione che è nell’indole del vero tifoso. Questa mattina il capitano rossoblù si è recato dal dottore Canonaco per capire, ancor prima di effettuare la risonanza magnetica (ci vorrà domattina) quale fosse la reale entità dell’infortunio. Di sicuro c’è che non si tratta di un infortunio grave. Parisi, infatti, ha riportato solo una forte infiammazione al collaterale del ginocchio sinistro. Ripetiamo, domani se ne saprà di più visto che il difensore si sottoporrà ad una risonanza magnetica che stabilirà la reale entità dell’infortunio. Esagerando potrebbe essere una la settimana di stop. Lo staff medico, ne siamo certi, proverà a rimetterlo in sesto nel più breve tempo possibile. E chissà che già contro la Vigor non possa uscire per primo dal tunnel. E’ quello che si augurano tutti i tifosi del Cosenza.
IL FATTO. E’ il 39′ del primo tempo quando Mastrolilli e Parisi arrivano a contatto. Il capitano anticipa nettamente l’attaccante della Vibonese. Sembra un intervento come un altro ma così non è. Parisi resta a terra e si tocca dolorante il ginocchio sinistro. La smorfia di dolore tieni tutti con il fiato sospeso. Immediatamente i sanitari entrano in campo per accertarsi delle sue condizioni. Pochi secondi e viene chiamata la sostituzione. Il capitano viene portato fuori in barella e, qualche minuto dopo, si rialza con le sue stesse gambe anche se zoppicando vistosamente. A fine gara lo si vede provato con due borse del ghiaccio ben strette al ginocchio. Alla fine, però, il pericolo di un infortunio sembra scampato. (p.b.)

Related posts