Tutte 728×90
Tutte 728×90

Braca e Spinelli in coro: “Le porte chiuse sono una sconfitta per il calcio”

Braca e Spinelli in coro: “Le porte chiuse sono una sconfitta per il calcio”

A tenere banco è la notizia del giorno e i due calciatori si dichiarano nettamente contrari al provvedimento: “Ognuno deve assumersi le rsponsabilità di quello che fa”.

spinelli_in_campo.jpgQuando Braca e Spinelli si sono presentati in sala stampa, la mannaia delle provvedimento restrittivo si era appena diffusa. “Siamo totalmente in disaccordo – hanno dichiarato -. Non si possono penalizzare tutti i tifosi indistintamente, occorre che chi commette atti di teppismo paghi singolarmente”. Parlare di calcio giocato non è facile, ma il difensore centrale ha la favella facile e ha abbozzato un paragone tra questo Cosenza e il Sorrento ammazza-campionato di due stagioni fa. “Noto la stessa fame di vittoria, solo che i rossoneri avevano meno ricambi e poi erano una squadra giovane con quella stella di Francesco Ripa in avanti. In riva al Crati è un’altra cosa, c’è un pubblico che quando sei in difficoltà vince da solo le partite”. L’argentino ha fatto subito eco a quanto dichiarato dal compagno di squadra. “Ero curioso di vedere il San Vito in azione – ha confidato -, sarebbe stato l’uomo in più”. Le prime gare di Spinelli sono state di assestamento, ma le prossime ha progetti importanti. “Non sono al meglio fisicamente – ha concluso – ma spero ugualmente di fare gol alla Vigor come l’anno scorso”.  (a.c.)

Related posts