Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Vigor Lamezia per soli abbonati. Lo ha deciso il Casms

Cosenza-Vigor Lamezia per soli abbonati. Lo ha deciso il Casms

Mirabelli è furioso: “Scelta assurda, è in questa maniera che si creano i problemi di ordine pubblico. Se serve, prolungheremo la campagna abbonamenti fino a sabato notte tenendo aperti i botteghini 24 ore su 24”. 

mirabelli col commissario di campo.jpgAlla fine, purtroppo, la notizia è arrivata. Ed è doppiamente penalizzante. Il Casms, la commissione di analisi sulle manifestazioni sportive, ha affidato all’Ansa la propria decisione e, nella nota, si legge che “sarà consentito solo agli abbonati l’ingresso allo stadio per la partita Fiorentina-Bologna del 21 settembre. Analoga decisione e’ stata poi presa per Ternana-Pescara del 14 settembre, Cosenza-Vigor Lamezia (14 settembre), Livorno-Pisa (20 settembre), Manfredonia-Cosenza (21 settembre) e Legnano-Pro Patria (21 settembre)”. Quindi per i sostenitori rossoblù, come anticipato nei giorni scorsi, anche Manfredonia resterà una chimera. Ora toccherà al Prefetto determinare la decisione finale, ma se non in casi del tutto isolati e particolari, non si è mai venuti meno alle decisioni degli uffici del Viminale. Il San Vito è uno stadio a norma ed è omologato per una capienza di 15000 spettatori. La dirigenza rossoblù, poi, ha avuto la garanzia di avere tempo fino al 30 settembre per adeguare totalmente l’impianto alle nuove regole antiviolenza. Serve l’installazione di altre quattro videocamere a circuito chiuso, la creazione di una zona di pre-filtraggio (non necessariamente fissa) e la numerazione dei posti che è completa al 90%. Un provvedimento come quello di aprire solo agli abbonati, possono prenderlo solo le autorità di polizia additando due motivazioni: l’ordine pubblico e la causa logistica. Se fosse a causa del primo motivo, basterebbe chiudere il settore ospiti, mentre per il secondo dovrebbero fornire delle spiegazioni dettagliate, dato che perfino l’Osservatorio aveva dato l’ok per l’impianto di Via de Stadi.
LE REAZIONI. Come spesso avviene è il diggì Mirabelli a prendere la parola e questa volta ci va giù duro. “Una cosa del genere è inammissibile, la società è esterrefatta. Non vi erano assolutamente problematiche di ordine pubblico per adottare un tale provvedimento, evidentemente chi ha preso la decisione finale non conosce bene Cosenza. Avere 4-5mila persone fuori dall’impianto di gioco è qualcosa di ingestibile, gli organi competenti riflettano su questo. La cosa che mi fa infuriare maggiormente è che si tratta di un equivoco, il San Vito è a posto!”. Dire che il direttore è imbufalito, sarebbe un eufemismo. “Se serve a portare più tifosi possibili allo stadio – conclude – prolungheremo la campagna abbonamenti fino a sabato notte, mantenendo aperti i botteghini 24 ore su 24”.

Related posts