Tutte 728×90
Tutte 728×90

Berretti: Cosenza-Gela le pagelle

Berretti: Cosenza-Gela le pagelle

Buona la prova del portiere Diuri e Doninelli. Salandria e Martino irresistibili nel primo tempo, calano vistosamente nella ripresa. Delude De Rose che sbaglia un gol clamoroso sullo 0-0.

espulsione_aquino.jpgNon inganni il risultato. Il Cosenza di Riccardo Petrucci ha giocato un buon calcio. Specialmente nella prima frazione il Gela non è mai riuscito a trovare spazi per impensierire i rossoblù. La vena di Martino e Salandria ha messo in difficoltà i siciliani fino al fallo di Aquino che è costata l’espulsione al centrocampista rossoblù. Da quel momento in poi il Gela ha preso il sopravvento e per Viscardi e compagni la gara è stata in salita. Da segnalare in occasione del vantaggio ospite la mancanza di fair-play di Ascia che, dopo aver commesso fallo (non ravvisato) su Mirabelli, ha continuato a giocare servendo l’indisturbato Canali. Sotto di una rete e di un uomo i silani hanno provato il forcing finale concedendo spazi ai siciliani bravi a raddoppiare verso la fine della gara con un colpo di testa di Canali.
DIURI: voto 6,5. Dirige bene la difesa. Compie una prodezza in chiusura di gara, evitando che il passivo diventi più pesante.
ROMITO: voto 6. Gioca una gara ordinata. Nella ripresa finisce nel grigiore insieme ai compagni di reparto.
MIRABELLI: voto 5,5. Il fallo su di lui c’è in occasione del vantaggio ospite. Sinceramente, però, era il caso che spedisse il pallone lontano anziché provare un dribbling vicino alla propria area di rigore.
AQUINO: voto 4,5. L’espulsione incide sul risultato finale. Lascia la squadra per più di un tempo in inferiorità numerica. E’ ovvio che il suo sia il voto più basso.
VIOLA: voto 6. Buon primo tempo. Nella ripresa, sarà la stanchezza, cala vistosamente.
MARCHIO: voto 6. Stesso discorso di Viola. Un po’ più volenteroso del precedente. Nella ripresa un suo liscio spiana la strada a Iaria che sbaglia a tu per tu con Diuri.
SALANDRIA: voto 6. Gioca un gran bel primo tempo. Nella ripresa si isola. La sufficienza è la media tra il 7 della prima frazione e il 5 della ripresa.
DONINELLI: voto 6,5. Rimane solo a metà campo. Eppure riesce ugualmente a giocare un’infinità di palloni e inserirsi nelle azioni offensive.
VISCARDI: voto 6. Si vede che De Rose non è la sua spalla. Porta da solo la croce e subisce i falli sistematici dei difensori siciliani. Sbaglia un gol nel primo tempo che non è da lui.
DE ROSE: voto 5. Compie un errore grossolano nel primo tempo sullo 0-0 ciccando la palla ad un metro dalla porta. Per il resto non entra mai nel vivo dell’azione.
MARTINO: voto 6. Giocatore estroso ma non sempre incisivo. Ha numeri d’alta scuola. Se riuscisse a giocare di più il pallone il Cosenza ne beneficerebbe tantissimo.

ALL.: PETRUCCI: voto 6,5.
Il suo Cosenza se la gioca alla pari contro un Gela venuto per fare un sol boccone dei silani. L’arbitraggio e il mancato fair-play lo costringono, per la prima volta in questo campionato, ad ammainare bandiera. Il Cosenza, però, è una squadra che gioca e mostra di avere una gran voglia di far bene.

Subentrati:
CARLUCCIO: voto 6. Gioca poco ma cerca di dare il suo contributo.
GENOVESE: voto 6. Stesso discorso fatto per Carluccio.
MANCUSO: voto 5,5. Entra in campo che sembra volersi mangiare il mondo intero. Tanto fumo e poco arrosto.

Related posts