Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il Rugby Cosenza ha già preso il largo, la Scuola Rugby lavora per il futuro

A due giornate dall’inizio del campionato di rugby di serie C girone calabro-pugliese, com’era da pronostico , l’Universide_rose.jpgtà Rugby Cosenza si è dimostrata essere una spanna al di sopra rispetto alle altre  tre squadre. E’ dotata di un organico che per i nove quindicesimi  è composto dai giocaotri che lo scorso anno hanno sfiorato la serie cadetta. In più l’allenatore, l’italo-argentino Mariano Preti, sta riuscendo a dargli l’impronta di una tipica squadra argentina: grinta e difesa imperforabile con placcaggi micidiali. Certo è presto, anzi prestissimo per potere dire se il XV bruzio a gennaio, nella seconda fase di questo campionato strano e che non facilita per niente il bel gioco con un livello mediocre, sarà in grado di potere recitare quel ruolo di portagonista tale da  accedere ai play off. Solo il tempo,che è dalla loro potrà stabilire se anche quest’anno i ragazzi del vicepresidente-tifoso Antonello De Rose (nella foto di fianco) saranno in grado di potersi giocare la serie B. Altro discorso invece merita l’altra squadra di rugby cosentina, la Scuola Rugby di Salvatore Pezzano( nella foto in basso in compagnia di Ciccio Arcuri). Pezzano è riuscito a creare in poco tempo una squadra facendola partecipare al campionato di serie C. E’ già un gran risultato. E lo è ancor di più se consideriamo che sta lavorando ad allestire il settore giovanile, il futuro di una squadra di rugby. Per cui Pezzano e compagni hanno già raggiunto un importante risultato che non è sul campo ma quello di s6300979.jpgprospettare a questa giovane società un solido futuro. Peccato solo che nessun ente istituzionale dell’area urbana sia stato in grado di metterle a disposizione un campo sul quale allenarsi e giocare. La Scuola Rugby infatti per potere disputare le partite casalinghe si deve recare ogni volta a Lamezia.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it