Tutte 728×90
Tutte 728×90

Bum Bum Polani, il Cosenza va. Battuta l’Aversa 2-1

Bum Bum Polani, il Cosenza va. Battuta l’Aversa 2-1

I rossoblù hanno la meglio a termine di un incontro sofferto, ma bellissimo. Il 2-1 finale rende merito agli avversari, autori di un ottimo match. A breve le interviste del post partita, le pagelle e la moviola.

polani_realizza_1-0.jpgE’ senza dubbio il giorno di Enrico Polani. La doppietta liberatoria riconsegna il bomber ai tifosi rossoblù. Di testa prima, col destro poi, la punta romana è riusciuta a siglare le sue prime reti in campionato. Quello vista oggi pomeriggio è stata una gara di altri tempi co le due squadre che hnno dato spettacolo ed è giusto riconoscere agli uomini di Sergio i meriti che sul campo hanno dimostrato di avere. Nella ripresa i campani sono andati all’arrembaggio, ma hanno sbattuto contro un portiere di categoria superiore. Ambrosi ha salvato il risultato in almeno quatro occasioni. I lupi riprendono il discorso interrotto a Noicattaro ed il 2-1 finale, ottenuto soffrendo, stasera sarà più bello.
CRONACA. Il tema della partita è quello di due squadre che giocheranno a viso aperto per tutti e novanta minuti, per buona grazia dello spettacolo. Galanticci da una parte e Polani dall’altra sembrano avere da subito una buona lena. Al 6′ dopo un buon fraseggio a centrocampo De Rose serve palla per Polani che fa a sportellate con Di Girolamo, ma non arriva sulla palla. Dopo un minuto Galantucci va via sulla destra e crossa per Bernardi che viene anticipato in corner, sugli sviluppi del quale De Rose sfiora il palo alla destra di Criscuolo con un tiro cross. Al 9′ Cosenza ancora in avanti, ma Zolfo spazza ancora in angolo. Occhiuzzi scodella in mezzo e Parisi per poco di testa non fa gol. Sul secondo conrer di fila, però, Polani ci arriva e regala il vantaggio ai rossoblù. Per lui è il primo gol in campionato. L’Aversa non fa attendere una reazione e prima con Arini e poi con Sibilli impegna Ambrosi, poco attento nella seconda occasione. Al 17′ ammonito Carboni per un entrataccia su Bernardi. L’Aversa guadagna metri e Sibilli fa sfoggio di tutta la sua classe. Sergio ha ridissegnato la squadra su un 4-2-3-1 con Romano unico vertice. I granata, oggi in maglia bianca, arrivano u po’ troppo spesso dalle parti di Ambrosi. Al 24′ sugli sviluppi del primo tiro della bandierina per gli ospiti Zolfo calcia dalla distanza sfiorando la traversa. Due minuti dopo svarione difensivo della retroguardia rossoblù e Carboni d’esterno per poco non riequilibria le sorti del match. Cosenza che soffre l’iniziativa degli avversari. Al 34′ Braca spazza male l’area di rigore e serve un assist vincente sui piedi di Romani che si fa ipnotizzare dall’estremo silano. Tre minuti dopo Occhiuzzi serve un passaggio al bacio per Polani che calcia incredibilemnte fuori. Ma al 41′ concede ugualmente il bis alla platea del San Vito. Braca, ricevendo il pallone sulla sfera restituita dagli avversari, lancia Polani che non sbaglia. Ne segue un parapiglia a centrocampo. L’Aversa contesta la lealtà della realizzazione. Il primo tempo finisce così.
SECONDO TEMPO. La ripresa inizia senza sostituzioni e con i campani che si riversano subito in avanti. Sibilli reclama il penalty al 47′, ma l’arbitro lascia correre. Al 49′ è ancora Polani a sfiorare il tris con un bolide che fa la barba al palo. Al 54′ Sibilli va via per vie centrali e Spinelli lo mette giù circa dieci metri prima che entrasse in area. Sulla porta si porta Romano che trasforma calciando una punizione magistrale: è il 2-1 che riapre la gara che da questo momento inzia a vivere una fase molto intensa con gli ospiti che si sono riversati in avanti ed il Cosenza che cerca di ripartire in contropiede. Toscano cambia: dentro Carli e Chianello, fuori Spinelli ammonito e Musacco. Gli ospiti al 75′ Sibilli batte una punizione corta per l’accorrente Zolfo che calcia un bolide su cui Ambrosi si oppone di pugni. Il Cosenza non sfrutta la ripartenza e Romano da centrocampo costringe l’estremo di Fiuggi a smanacciare in angolo. Gara bellissima che vive di ripartenze continue. All’80’ Ambrosi compie l’ennesimo miracolo della gara su Longo che dall’area piccola tira a botta sicura. Al 91′ Chianello interviene in area su Perna e lo mette giù. San Vito ammutolito, sembra rigore, ma l’arbitro ammonsce il numero 18. La parita termina con il Cosenza che riprende, soffrendo, la marcia da capolista.

Il tabellino: 
COSENZA(4-4-2): Ambrosi, Morelli, Musacco (61′ Chianello), Parisi, De Rose, Braca, Occhiuzzi(71′ Danti) Spinelli (61′ Carli), Polani, Bernardi, Galantucci. A disp: Guizzetti, Moschella, Profeta, Cantoro. All. Toscano.
AVERSA NORMANNA(4-3-1-2): Criscuolo, Baylon (65′ Silvestri), De Angelis (72′ Longo), Zolfo, Di Girolamo, Marauci, Arini, Ottobre, Carboni, Sibilli, Romano (52′ st Perna). A disp: Del Giudice, Chirico, Porzio, Improta. All. Sergio
ARBITRO: Manera di Castelfranco Veneto
MERCATORI: 10′,41′ Polani, 55′ Romano
NOTE: Giornata quasi estiva e terreno in buone condizioni. Sugli spalti circa 5mila spettatori di cui un manipolo di campani. Espulsi:– Ammoniti:Carboni, Zolfo, Romano, Polani, Ottobre, Arini, Spinelli, Morelli, Chianello, Perna Corner: 4-7 Recupero:2′-4′

Related posts