Tutte 728×90
Tutte 728×90

Volley A1m. Tonno Callipo: a Pineto per risalire la classifica, contro tanti volti noti.

Volley A1m. Tonno Callipo: a Pineto per risalire la classifica, contro tanti volti noti.
Quinta giornata del campionato di A1 maschile e si deve voltare pagina. Finita la “sagra dei mostri sacri” (le prime quattro avversarie erano le squadre più forti del torneo), si deve pensare a far punti.

Avversario del giorno, Framasil Pineto, nel quale non si può fare a meno di notare la lunga sfilza di nomi noti a chi segue la pallavolo calabrese nelle varie categorie.
A leggere i nomi, trattandosi sempre e comunque di una squadra che gioca in serie A1, ciascuno di voi sarà libero di pensare aa1-pineto-montagnani.jpgd  essi con nostalgia o meno, ma ci auguriamo che voi non pensiate di essere su “Scherzi a parte”, a proposito di qualcuno di essi. Starà al vostro buon cuore farlo o non farlo: a noi spettava solo il compito di mettervi in guardia.
Cominciamo dai dirigenti, con Giuseppe “Pino” De Patto, ex dirigente-tutto-fare di Corigliano, ora Direttore Sportivo degli abruzzesi. Poi, come allenatore, troviamo il toscano Paolo Montagnani (nella foto), ex regista (abbastanza incompreso) dell’Eurosport Cosenza in A2.
Nella rosa dei giocatori, infine, l’elenco è lungo. C’è Marco Mancini, ex Lamezia, seguito da Ravellino (Corigliano); c’è Vigilante (fugace e fuggitiva presenza del breve scorcio di questo campionato a Corigliano), e ci sono Dentinho (ex proprio di Vibo) e Lampariello Davidson, che giocò nel Cosenza di B2 allenato da Zoran Jeroncic.
Tornando al Tonno Callipo, c’è da essere molto chiari: in tanti (e noi per primi) ripetono da settimane che il campionato “vero” del Vibo sarebbe conminciato alla quinta giornata: domani si gioca il sospirato quinto turno, per cui non ci saranno più alibi.
Guardando le cose buone che la squadra calabrese ha saputo mostrare, c’è da essere ottimisti sul prosieguo della stagione, ma se ci fosse la possibilità di porre rimedio ad un paio di “imperfezioni tecniche” staremmo tutti più tranquilli. (Sergio Lionetti)

Related posts