Tutte 728×90
Tutte 728×90

Gela-Cosenza: le pagelle

Gela-Cosenza: le pagelle

Bene Braca, Spinelli e Polani. Su Musacco e De Rose pende un doppio giallo che poteva essere evitato. Moschella, che occasione nel finale. Cantoro, una gara nell’anonimato.

7_-_de_rose_espulso_per_doppia_ammonizione.jpgUn Cosenza per nulla timoroso avrebbe meritato più della sufficienza. Purtroppo, il gol di Battisti, l’errore di Moschella e le espulsioni di De Rose e Musacco hanno complicato le cose oltre ad aver inciso sul voto finale della squadra di Toscano. Positiva la prova dei tre centrocampisti centrali che hanno macinato chilometri. Nella ripresa ci si aspettava qualche cambio ed invece Toscano ha lasciato passare inesorabilmente i minuti. Da segnalare l’ottima prova del pacchetto arretrato. In avanti poco pungente l’argentino Cantoro. Per Polani una partita tutto cuore, Galantucci propositivo ma non incisivo.
AMBROSI: voto 6. Non corre grossi pericoli. Nulla può sull’eurogol di Battisti.
MORELLI: voto 5,5. Gioca una gara pulita per settanta minuti. Poi, lascia Battisti da solo in area di rigore ed è l’errore che costa la partita. 
MUSACCO: voto 5,5. Caparbio. Il giocatore cosentino gioca senza paura. La sua prestazione, però, viene macchiata da un doppio giallo che poteva essere evitato e che ha costretto i silani in nove uomini.
MOSCHELLA: voto 6. Pulito in fase difensiva. Prova, invano, a rendersi pericoloso su calcio piazzato. A cinque minuti dalla fine spreca la palla del pari sparandola addosso a Cecere.
DE ROSE: voto 5,5. Macina un’infinita di chilometri. Giostra prima su Iannini, poi su Alessandrì neutralizzandoli quasi fosse lui il giocatore navigato. Macchia la splendida prestazione con una doppia ammonizione che lascia la squadra in dieci uomini.
BRACA: voto 6,5. Franciel non vede un pallone. Per Pasca vale lo stesso discorso. Anche senza Parisi al suo fianco dimostra di essere un gigante.
CARLI: voto 6. E’ la sorpresa del giorno. “Gulliver” attacca e difende con una voglia matta. Si prodiga per la causa rossoblù. Vince quasi tutti i duelli aerei che ingaggia. Quando si proietta in avanti è sicuramente più pericoloso di Cantoro
SPINELLI: voto 6,5. Giostra bene nel traffico. Spezza il gioco avversario ed è pronto a far ripartire la squadra. La sua è una gara d’intelligenza.
POLANI: voto 6,5. Corre come un matto e fa capire che, oltre al gol, il “Re Leone” ha uno spirito da combattente. Ingaggia il più bel duello della giornata con Esposito. Dei tre attaccanti è quello più intraprendente.
CANTORO: voto 5. L’argentino al “Presti” non è stato determinante come ci si aspettava. Dopo Manfredonia ha fatto vedere troppo poco per pensare che sia un goleador da doppia cifra.
GALANTUCCI: voto 5,5. Propositivo ma poco incisivo. Meglio nel primo tempo quando riesce a provare il tiro a rete in due circostanze. Nella ripresa prova a trovare spazi utili per giocare ma viene sistematicamente fermato con le cattive dai difensori avversari.

ALL. TOSCANO: voto 6.
E’ la media tra il coraggio (voto 7) avuto nell’affrontare a viso aperto il Gela e la mancanza (voto 5) di non aver sostituito almeno uno dei centrocampisti che per 70′ non si sono risparmiati. Il Cosenza ha le alternative ma non le utilizza lasciandole in naftalina. Va bene che De Rose è un sette polmoni ma il buon Mimmo poteva anche evitare quel secondo giallo che costerà caro anche in chiave Scafatese.  

Subentrato:
BERNARDI: voto SV.
E’ l’unico cambio di Toscano. Entra ad otto minuti dalla fine soltanto per le statistiche.

Related posts