Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Scafatese: le pagelle di Alessandro Renzetti

Cosenza-Scafatese: le pagelle di Alessandro Renzetti

Un primo tempo opaco, una ripresa da capolista. Profeta autentico protagonista della riscossa rossoblù. Anche Ambrosi decisivo con tre parate salva risultato.

catania-galantucci.jpgBisognava vincere per mandare via i fantasmi di Gela, per restare in vetta e trovare quello spirito che solo i tre punti ti danno. Eppure è stata una vittoria sofferta. Figlia di un primo tempo da dimenticare, regalato agli avversari. Poi, nella ripresa, resosi conto dell’errore Toscano ha cambiato inserendo Bernardi ma soprattutto Profeta. Il centrocampista ha dimostrato di essere quel giocatore che serve al reparto nevralgico del campo, capace di cambiare ritmo e gioco. Al di là del gol, Danti si è visto poco. Dietro, quando si ha a che fare con dei giocatori brevilinei, la difesa soffre. Infine, da sottolineare la grande prestazione di Stefano Ambrosi. Il portiere ha permesso ai silani di mettersi definitivamente alle spalle la sconfitta di Gela e conquistare una pesante vittoria.
AMBROSI: voto 6,5. Determinante per la conquista dei tre punti. Nel primo tempo nega ad Izzo il raddoppio che avrebbe tagliato le gambe ai silani. Nella ripresa su Martone e Varriale compie due interventi che consentono alla squadra di Toscano di ritornare alla vittoria.
PARISI: voto SV. Non sta bene e si vede. Lotta finché può ma poi il dolore lo costringe a dare forfait a fine primo tempo.
DE MIGLIO: voto 6,5. Si perde nel marasma generale nel primo tempo. Poi cresce a vista d’occhio. Un cavallo scatenato che chiede a gran voce una maglia da titolare anche per domenica prossima.
SPINELLI: voto 6. Soffre, come tutti i suoi compagni nei primi 45′, con il tempo ritrova smalto e ne beneficia tutta la squadra.
BRACA: voto 6. Gol a parte è sembrato lento oggi. Non che lui sia un velocista ma, sinceramente, oggi non sembrava il solito Braca. Con il gol si fa perdonare…e che gol!
MOSCHELLA: voto 5,5. L’errore sul gol ospite è in condominio con Braca. E’ mai possibile concedere agli avversari una ripartenza nell’uno contro uno? Ha il merito di pennellare la palla per la testa di Braca che vale tre punti e la vetta solitaria.
CATANIA: voto 5,5. Male a destra. Un pochino meglio a sinistra. Forse a livello fisico non è ancora al top ma sinceramente da uno come lui ci si aspetta di più.
CARLI: voto 6. Maluccio all’inizio. Si butta in avanti lasciando un vuoto immenso a metà campo. Poi, pian pianino, da il suo onesto contributo.
POLANI: voto 6. Lotta come un matto. E’ sempre in movimento, quasi dovesse prepararsi per una maratona. Non viene sempre supportato a dovere dai compagni.
DANTI: voto 6. Per il gol. Altrimenti gli dovremmo tirare le orecchie. Non è concepibile sprecare il talento che si ha con giocate da censurare. Il ragazzo ha bisogno di fiducia ma deve sapersela anche meritare se vuole trovare spazio in questo Cosenza.
GALANTUCCI: voto 6. Anche lui si sacrifica quando può. Vuole ritornare al gol e si vede ma chiede troppo quando, per tre volte, prova la conclusione dai trenta metri.

ALL. TOSCANO:  voto 5,5.
Sbaglia la formazione iniziale e se ne rende conto in tempo. La Scafatese, però, gli fa un favore sbagliando il gol del raddoppio. Azzeccata la scelta di Profeta a metà campo. Sarà il caso che si affidi a questo giocatore per dare geometrie alla sua squadra.

Subentrati:
BERNARDI: voto 6. Fa il suo compito con intelligenza. Nulla più da un giocatore che sembra aver perso la brillantezza che lo caratterizzava nella passata stagione.
PROFETA: voto 7. Perché fino ad oggi non è stato mai utilizzato se non in Coppa Italia? Complimenti perché il ragazzo ha dimostrato di avere talento. Stesso discorso fatto per Danti. La fiducia bisogna conquistarsela. Non basta uno spezzone di gara. Adesso tocca a lui. Se è quello che si è mostrato oggi troverà di certo spazio sin dall’inizio.
FABIO: voto SV. Troppo poco in campo per essere giudicato. Per di più gioca gli ultimi minuti esterno di centrocampo a sinistra.

CHI E’ ALESSANDRO RENZETTI
Alessandro Renzetti nasce a Grosseto il 21 maggio del 1955. Centrocampista di indubbie qualità tecniche (specialista dei calci di punizione) esordisce con la maglia del Cosenza il 28-9-1980 in Cosenza-Giulianova 2-2. Con la maglia rossoblù colleziona 110 presenze (99 in campionato e 11 in Coppa Italia) con 12 reti (10 in campionato e 2 in Coppa Italia). Opinionista di Radio Libera Bisignano.

RENZETTI Alessandro
Grosseto – 21.05.1955
Centrocampista – m. 1.77; kg. 76
Prov. dal Messina; poi dal Potenza
Esordio: 28.09.80 Cosenza-Giulianova 2-2

Campionato Serie Presenze  Reti
  1980-81     C1        19         1 (1)
  1981-82     C2        28         4
  1982-83     C1        23         4 (1)
  1983-84     C1        29         1
 Totale          –         99        10 (2)

Coppa Italia Serie Presenze  Reti
  1980-81      C          1         –
  1981-82      C          4       1 (1)
  1983-84    A-B-C     6       1 (1)
   Totale             –  11        2 (2)

Related posts