Tutte 728×90
Tutte 728×90

Elezioni regionali Fipav. Uno dei tre aspiranti Presidenti (Aulicino) ritira la candidatura

A tre giorni e mezzo dall’Assemblea elettiva regionale del 23 novembre, arriva la notizia che  in pochi si aspettavano.

Con un comunicato “Alle Società Affiliate FIPAV della Calabria, ai rappresentanti degli Atleti della Calabria, ai rappresentanti dei Tecnici della Calabria, al Presidente Regionale FIPAV Calabria, ai Componenti del C.R. FIPAV Calabria, ai Presidenti C.P. FIPAV della Calabria, alle Redazioni Sportive dei giornali” arriva  il ritiro ufficiale della candidatura di Francesco Aulicino, uno dei tre candidati alla presidenza del Comitato regionale Fipav calabrese per il prossimo quadriennio.
Forse si tratta di un fulmine a ciel sereno e forse no (questo lo sapremo con più calma nei prossimi giorni), ma certamente questa novità dovrebbe rendere più “facili” i conteggi dei possibili voti che i due candidati presidenti (Carmelo Sestito, quello uscente, e Marcello Cammera) contano di ricevere dalle varie società sportive che li appoggiano.
Avevamo scritto, in tempi non sospetti, che la preoccupazione di entrambi i contendenti non era  tanto quella di essere battuti da Aulicino, ma quella che il “terzo incomodo” prendesse,  oltre a voti di stima di singole società, anche quelli delle società scontente del Consiglio uscente e di quelle davvero poco impressionate dai nomi altisonanti della cordata “nuova”. Anche quei pochi voti (sempre ammesso che fossero pochi…) avrebbero potuto far pendere la bilancia, in modo poco prevedibile, da una o dall’altra parte.
Adesso, invece, i fautori di una o dell’altra cordata possono affinare gli ultimi dettagli delle alleanze  con i soliti presidenti ancora indecisi e soprattutto con quelli che aspettano  di sentire da che parte spira il vento, prima di schierarsi.
Se lo scenario è davvero questo, certamente prende ancora più corpo la nostra vecchia ipotesi: al  chiuso del seggio, ci sarà la possibilità di decidere di non votare qualcuno dei candidati  all’interno di questa o quella cordata. Quando si vota per uno schieramento, i votanti, di solito, portano con sé il “pizzino” con i nomi dei candidati amici, ma può anche accadere che questi nomi, sotto sotto,  non siano considerati “buoni” da tutti gli elettori. Con quale risultato? Che potrebbe uscire fuori  un comitato con la presenza “mista” di entrambe le cordate, qualunque sia il presidente vincitore. Se davvero dovesse succedere, forse sarebbe una fortuna e non un danno, perché il Consiglio potrebbe contare, per la prima volta da molti anni, sul “mezzo consenso” di tutte le società calabrese. Sarebbe curioso, ma sarebbe così. (Sergio Lionetti)

—————————
Questo il testo integrale del comunicato inviato da Aulicino:

Comunicazione Ritiro Candidatura a Presidente Regionale FIPAV Calabria
Nell’imminenza del rinnovo delle cariche elettive regionali della F.I.P.A.V., ringrazio anzitutto quanti, con comunicazioni dirette al mio indirizzo di posta oppure nei colloqui intercorsi in occasione delle Assemblee elettive provinciali svoltesi nei giorni scorsi, hanno manifestato la propria simpatia alla mia persona, unita in alcuni casi al sostegno ed apprezzamento per la candidatura alla carica di Presidente del Comitato Regionale.
Ciò non di meno, nel corso del mio Tour elettorale ho avuta chiara la percezione dell’esistenza di una netta maggioranza di Società che è schierata a sostegno della prosecuzione del progetto avviato nel maggio 2005 da Carmelo Sestito e dal Consiglio Regionale uscente.
Il Candidato Cammera invece, presentatosi quale fautore di una nuova struttura politica ed organizzativa al servizio delle società affiliate, ha dato più che altro l’impressione palpabile, e non è stata certo solo una mia sensazione,di aver accettato di candidarsi a Presidente regionale per mero ripiego rispetto a ben diverse aspettative di connotazione, dopo una brillante carriera arbitrale al servizio della nostra Federazione. Egli ha mostrato, inoltre, di avere poco chiari gli effettivi bisogni delle società calabresi.
Ad ogni modo, la forza elettorale espressa dagli schieramenti facenti capo ai Candidati Sestito e Cammera, non mi consente voli pindarici e mi spinge al ritiro della candidatura proposta con entusiasmo nei giorni passati, anche se non avverto sensi di sconfitta. Questa decisione infatti, secondo me, è esercizio di Democrazia! E personalmente non mi piace sentir dire che la Pallavolo calabrese sia spaccata. La Famiglia della Pallavolo calabrese ha certamente anime diverse,ma alla fine tutti contribuiamo – prendendo o facendo prendere a schiaffi una palla – alla crescita del nostro movimento e di una sana cultura sportiva. La Politica, con le finalità suddette, ha ben poco a che spartire…….
In bocca al Lupo, pertanto, a chi sarà eletto a guidare le sorti della Pallavolo regionale nel prossimo quadriennio. Per quanto mi riguarda, esco a testa alta dalla competizione elettorale, ben determinato però ad affrontare nuove esperienze sportive ed umane con la Pallavolo. Continuo ad amare questo nostro Sport e a ritenermi a disposizione di chiunque pensi, come me, che l’esperienza di ognuno debba essere messa a disposizione di chi ne abbia bisogno.
Evviva la Pallavolo calabrese!!
Francesco Aulicino

Related posts