Tutte 728×90
Tutte 728×90

Soluri: “Cosenza-Catanzaro, occasione per le tifoserie”

Soluri: “Cosenza-Catanzaro, occasione per le tifoserie”

Il presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Calabria si auspica che “il derby venga giocato con entrambe le tifoserie sia all’andata che al ritorno” e chiama a raccolta le istituzioni.

soluri.jpg“L’8 dicembre prossimo la Calabria ha la possibilità di dimostrare a tutto l’Italia, in diretta televisiva, che questa non è per fortuna soltanto una terra sfregiata dalle azioni criminali della ‘ndrangheta, ma anche e soprattutto una terra di grande civiltà in cui le nobili tradizioni, la storia millenaria, la cultura dell’accoglienza e dell’amicizia, riescono sempre ad avere il sopravvento. La partita di calcio di Seconda Divisione, fissata per il giorno dell’Immacolata, tra Cosenza e Catanzaro può diventare una fenomenale occasione per riproporre storia e valori condivisi e per mettersi alle spalle rancori e contrasti che travalichino la normale rivalità sportiva”. Lo afferma Giuseppe Soluri, Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Calabria, azionista del Catanzaro. “Se i derby, sia dell’andata che del ritorno, tra Cosenza e Catanzaro, che – ricorda sempre Soluri – tornano dopo vari lustri e dopo varie e diverse traversie sportive sopportate dalle due squadre negli ultimi anni, dovessero giocarsi senza la presenza, rumorosa e colorata, dei tifosi della squadra ospitata, sarebbe una cocente sconfitta per lo sport ma anche, se non soprattutto, per la grande storia e le nobili tradizioni delle due città. E’ comprensibile che il Ministero dell’Interno, attraverso l’Osservatorio sulle manifestazioni sportive, abbia negli ultimi anni esercitato una forte e doverosa stretta a seguito di eventi luttuosi ed inconcepibili registrati all’interno ed all’esterno di vari stadi italiani, ma il fine di questa stretta non è la sterilizzazione di una delle componenti più genuine del calcio, vale a dire il tifo, bensì la presa di coscienza del fatto che la violenza va bandita dagli impianti sportivi e che ogni partita di calcio deve tornare ad essere, in ogni caso, quello che era una volta: vale a dire – aggiunge Soluri – una festa dello sport e per gli sportivi. Cosenza-Catanzaro, partita considerata a rischio dall’Osservatorio, è l’occasione giusta per voltare pagina, per superare barriere, per riaffermare quei valori e quelle caratteristiche di cui la gente di Calabria, dal Pollino fino allo Stretto, è sempre stata depositaria: intelligenza, tolleranza, accoglienza, rispetto nei confronti degli altri. Credo – continua Soluri – che, dopo tanti anni di scontri, ci siano le condizioni per riportare una partita come Cosenza-Catanzaro nel giusto alveo, quello della rivalità sportiva anche accesa, degli striscioni ironici ma non volgari, degli slogan “acuminati” ma non offensivi, del rispetto degli avversari. Credo inoltre – prosegue – che questa consapevolezza si sia fatta strada anche all’interno delle due tifoserie che vogliono vivere da protagoniste l’evento derby con il gusto della presenza allo stadio dei tifosi avversari e si rendono conto che tutto ciò puo’ passare solo attraverso la presa di coscienza che gli stadi non possono essere piu’ improvvisati campi di battaglia ma devono tornare ad essere luoghi di aggregazione e di espressione di una comune passione sportiva. Già da oggi cercherò di coinvolgere tutte le autorità direttamente interessate (il Prefetto di Cosenza dott. Fallica e il Questore di Cosenza, dott. Salerno; il Prefetto di Catanzaro dott. Calvosa e il Questore di Catanzaro dott. De Felice; gli arcivescovi di Cosenza e Catanzaro, Mons. Nunnari e Mons. Ciliberti; il Presidente della Regione Loiero, i Presidenti delle Province di Cosenza e Catanzaro, Mario Oliverio e Wanda Ferro; i sindaci di Cosenza e Catanzaro, avv. Perugini e on. Olivo) affinchè sposino con determinazione il tentativo di restituire alle due città un evento bello e coinvolgente depurato da inutili tensioni o anacronistiche contrapposizioni. E sono sicuro che anche i tifosi, dell’una e dell’altra squadra, che si sono sempre segnalati per l’attaccamento ai colori della propria città e per la forza d’animo mantenuta anche quando tutto, per vicende diverse, sembrava dovesse spazzare via la loro passione, sapranno dare il proprio indispensabile e fondamentale contributo all’avvio di una nuova stagione. Se si riuscisse, l’8 dicembre, a far stringere la mano, in diretta tv internazionale, prima della partita, a rappresentanti dell’una e dell’altra tifoseria sarebbe un grande successo per tutti: per i tifosi, per le due società, per le due città, per il Ministero dell’Interno e, anche e soprattutto, per la civiltà di questa regione e di questo Paese. Forse – conclude Soluri – si tratta di un’utopia, ma anche l’avvento di Obama alla Casa Bianca sembrava esserlo ed è invece oggi una realta’”. (AGI)

Related posts