Tutte 728×90
Tutte 728×90

C5-BF: un’altra sconfitta amara per il Cosenza

I rossoblu, in vantaggio per ben due volte grazie alla doppietta di Fonseca, si fanno raggiungere e superare dagli amaranto.

cosenzac5.jpgAncora un k.o. per la truppa di mister Ferrara che contro la Cadi esce sconfitta dal palazzotto di Casali in un match dominato largamente per quasi tutto l’arco dei 40 minuti effettivi. Il copione ricalca quello delle ultime uscite dei rossoblu, che passano in vantaggio e subiscono, complice una disattenzione di Arribas e un paio di scelte a dir poco discutibili dell’arbitro, la rimonta avversaria. La cronaca: Il Cosenza scende in campo con Gervasi fra i pali, Arribas, Fonseca, Perri e Metallo. Nei primi cinque minuti di gioco i rossoblu sfiorano la rete in più occasioni con Metallo, Fonseca ed Arribas che solo davanti al portiere spreca clamorosamente. Dopo pochi minuti ancora Fonseca sfiora il montante alto della porta difesa da Ferrara e poco dopo Arribas ben assistito da Fiume, fallisce il controllo a due passi dalla porta avversaria. Il Cosenza gioca bene e non lascia spazio ai reggini che non riescono ad imbastire trame di gioco interessanti. Il primo tiro della squadra di mister Emo arriva al 17′ ma la palla termina largamente a lato. Negli ultimi minuti della prima frazione di gioco gli amaranto alzano il ritmo della partita senza risultare mai pericolosi. Nella ripresa il Cosenza parte forte e trova subito il vantaggio. E’ il secondo minuto quando Arribas ruba palla a centrocampo e serve Fonseca che di spalle alla porta, supera il portiere in uscita con un delizioso pallonetto d’esterno che termina lentamente nell’angolino basso. Il Cosenza non sembra appagato e continua ad attaccare ma al 5′ subisce il pareggio della Cadi con Vadalà che sugli sviluppi di un corner fulmina Gervasi con un destro da fuori area. Metallo e compagni non accusano il colpo e ripartono alla ricerca del vantaggio. De Rango al 7′ colpisce il palo con una conclusione dalla destra e poco dopo Fiume dribbla due avversari e conclude di poco a lato col portiere immobile. Al 13′ però, la supremazia territoriale dei rossoblu si concretizza grazie a Fonseca che trasforma una punizione con un sinistro terrificante che termina la sua corsa alle spalle di Ferrara. Neanche il tempo di gioire per il ritrovato vantaggio che Arribas perde banalmente un pallone nella propria area ed il più lesto ad approfittarne e Marcianò che da due passi pareggia i conti. La partita inizia ad incattivirsi a causa di qualche valutazione errata dell’arbitro ed al 15′ il portiere amaranto esce fuori area colpendo il pallone con le mani. Cartellino giallo per lui e per Oliveri, punito per le proteste. Rosso per un dirigente reggino e punizione per il Cosenza che termina però sulla barriera. Il due a due va stretto a Perri e compagni che cercano in tutti i modi la via della rete avversaria. Al 17′ però arriva l’episodio che decide il match. Dagli sviluppi di un fallo laterale Marcianò prende palla in area e Laino con un contrasto pulito conquista la sfera. L’arbitro fra lo stupore di tutti i giocatori in campo indica il dischetto del rigore ed espelle Laino. Per Marcianò è un gioco da ragazzi trasformare il penalty e regalare alla sua squadre il terzo successo consecutivo. A fine gara fra i giocatori di Ferrara la delusione è tanta per l’ennesima partita ben giocata ma persa immeritatamente.  (Francesco Palermo)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it