Tutte 728×90
Tutte 728×90

Danti: “Voglio giocare e vincere”

Danti: “Voglio giocare e vincere”

Il gioiello di San Giovanni in Fiore si dice soddisfatto della prova offerta: “E’ un’iniezione di fiducia. Il gol? Che bravo Catania”. L’argentino Cantoro: “Aspettavo con ansia questa rete”.

domenico_danti.jpgDue gol in trasferta il Cosenza non li segnava da Vibo Valentia. Si è ripetuta la squadra di Toscano in quel di Cassino mandando in gol Danti e Cantoro. Il gioiellino di San Giovanni in Fiore, in sala stampa, ha mostrato tutta la sua soddisfazione dopo una gara giocata magistralmente dai rossoblù. “Sono contento per il mio gol e per la squadra. Questa vittoria era fondamentale per il prosieguo del campionato. Non era facile venire a Cassino ad imporre il nostro gioco. Sta di fatto che siamo riusciti ad interpretare bene la partita”. Il furetto è ritornato dal primo minuto in quello che, fino all’anno scorso, è stato il suo ruolo preferito. Ossia quello di seconda punta. “Nel mio ruolo mi esprimo sicuramente al massimo. L’importante, però, è giocare. Seconda punta, esterno di centrocampo per me non fa differenza. Voglio giocare e voglio vincere”. Un chiaro messaggio a Toscano che fino ad ora lo ha tenuto in naftalina. “Quando non giochi non è un piacere. L’importante è lavorare e farsi trovare pronto. Oggi sono entrato in partita con la cattiveria giusta e sono stato premiato col gol. In merito vorrei sottolineare la grande prestazione di Catania oltre che del resto della squadra”. Pensiero finale al derby. “Questa vittoria ci da la carica per affrontare al meglio la settimana prima del derby con il Catanzaro. Il mio sogno? Che domanda…il gol!”. Da una faccia sorridente e soddisfatta ad un’altra. In sala stampa arriva un raggiante Lucas Maximilian Cantoro. “Aspettavo da tempo questo gol. Non segnavo da Manfredonia e per un attaccante non segnare per molto tempo è sicuramente un handicap”. Prima si siglare il gol della tranquillità, l’argentino aveva sbagliato da pochi passi una ghiotta occasione. “E’ vero. Sono stato impreciso. Ma perché pensare al gol sbagliato. Posso dire di essermi rifatto e di aver messo in cassaforte i tre punti”. Anche per Cantoro il pensiero va al derby. “Al triplice fischio la mente è andata subito al derby. E’ stato splendido vedere e sentire i nostri tifosi. L’8 dicembre abbiamo l’obbligo di far si che sia una giornata di festa. Lo dobbiamo ai nostri tifosi”. (Carlo Bilami)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it