Tutte 728×90
Tutte 728×90

Berretti: Cosenza-Vibonese 1-1. A Salandria risponde Ficara

Un punto amaro per i lupacchiotti di Petrucci. Alla gran rete di Salandria risponde Ficara su un dubbio penalty.

1_ingresso_in_campo.jpgDue punti persi per capitan Viscardi e compagni, sempre in gara per tutto l’arco del match ma capitolati in una delle pochissime occasioni capitate sui piedi degli avanti Vibonesi. Il Cosenza parte bene mostrando la solita, ottima organizzazione di gioco, guidata da un Doninelli sempre prezioso in mezzo al campo. Dopo un paio di minuti di studio i rossoblu passano grazie a Salandria che riceve un assist e batte il portiere avversario coronando con la rete una settimana da sogno, che lo ha visto protagonista anche con la squadra di mister Toscano. La Vibonese incassa il gol e prova a rendersi pericolosa in due occasioni prima con Grillo di testa e poi con Picara abile a scartare due uomini, meno nella conclusione che termina larga.. Il Cosenza non soffre mai e amministra il gioco a centrocampo sfruttando le ripartente veloci di Salandria e Martino. Nella seconda frazione la Vibonese al 6′ ci prova con Ficara che con un bolide su punizione da 25 metri impegna Di Iuri, miracoloso nell’intervento. Mister Petrucci sprona i suoi e chiede di giocare palla larga sui due esterni di centrocampo e proprio dai piedi di Martino nasce l’occasione sfruttata male da Doninelli che calcia debolmente a lato. La Vibonese da parte sua prova ad imbastire qualche interessante manovra ma non riesce mai a dar fastidio alla solidissima coppia composta da Bacilieri-Viola. Proprio da un errore di quest’ultimo, però, nasce la rete del pareggio. Il difensore rossoblu al 20′ commette un fallo più che dubbio su Grillo, defilato in area di rigore. L’arbitro fischia e dal dischetto va Ficara che realizza la massima punizione. Doninelli e compagni a livello psicologico accusano un po’ il colpo ma iniziano a costruire gioco rendendosi pericolosi diverse volte dalle parti di Bagnato. Ci prova Viscardi con un destro al volo da applausi terminato alto, poi Martino che calcia debolmente e in seguito Vasso che dopo uno scambio veloce e preciso con Salandria riceve il cross di quest’ultimo cogliendo però la traversa con un imperioso stacco di testa. Petrucci incita i suoi e Salandria, spostato in mezzo al campo dopo la sostituzione di Aquino, illumina con dei precisi tagli gli avanti rossoblu. Nulla però succede fino allo al secondo minuto di recupero, quando la panchina dei lupi recrimina per un fallo di mano apparso francamente netto su un colpo di testa di Viola che sarebbe terminato in rete. Il Cosenza avrebbe meritato sicuramente qualcosa in più del punto conquistato, ma i ragazzi di mister Petrucci hanno forse pagato gli errori in fase offensiva in una gara condizionata un po’ dall’arbitro, apparso in linea di massima disattento e assolutamente inadeguato in occasione del penalty non concesso a Viola nel finale.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it