Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Catanzaro: le pagelle di Alessandro Renzetti

Cosenza-Catanzaro: le pagelle di Alessandro Renzetti

Ottima prestazione della difesa. Centrocampo non sempre propositivo. In attacco Polani sottotono e Danti ha provato a predicare nel deserto.

occhiuzzi_sciupa_clamorosamente.jpgUna gara tirata. Ma del resto, da che mondo è mondo, i derby sono sempre stati così. Si vedeva lontano un miglio che solo su un episodio si sarebbe potuto decidere il match. Alla fine, quelle poche occasioni, sono state sciupate in malo modo. Polani e Occhiuzzi  nel primo tempo hanno sprecato tra l’incredulità generale. La difesa silana ha giocato in maniera perfetta. A Caputo e Montella, lì davanti, hanno lasciato le briciole e anche qualcosa in meno. Per quanto riguarda il Catanzaro, ottima squadra ben messa in campo dal tecnico Provenza. Tardivo, invece, per il Cosenza l’ingresso di Galantucci. Il “cobra” ha avuto troppi pochi minuti per incidere.
AMBROSI: voto 7. E’ decisivo su Montella nella ripresa. Sicuro nelle uscite. Non stava bene eppure stoicamente è riuscito a giocare ed anche bene.
BERNARDI: voto 6,5. Meglio nella ripresa. Recupera un pallone che sembrava perso con una rincorsa di 40 metri. Ispirato in alcuni frangenti. Bravo in fase difensiva e non era facile visto che dalle sue parti Tomi cercava spesso la giocata.
MUSACCO: voto 6,5. Molto dinamico e combattivo. Prova sempre l’accelerazione. Dai suoi piedi nascono i cross più pericolosi. Sente la gara ma non si fa per nulla intimorire.
DE ROSE: voto 6,5. Ruba una miriade di palloni a metà campo. Non ha Spinelli al suo fianco e ne risente. Prova a fare anche da regista senza trovare comprensione nei compagni.
BRACA: voto 7. Lascia le briciole a Montella. Di testa svetta sempre. E’ un baluardo insormontabile.
PARISI: voto 7. Una gara tutta cuore. I suoi movimenti sono da categoria superiore. E’ bravissimo nel capire le difficoltà della squadra ed andare a coprire i buchi che si creano.
OCCHIUZZI: voto 5,5. Sta male e si vede. Nel primo tempo ha la palla per essere il nuovo Aita ma la sciupa clamorosamente. Nella ripresa cala vistosamente. A nostro avviso andava sostituito.
FABIO: voto 6. Fa il suo compitino. Niente di più, niente di meno. Spinelli ha più esperienza ma il giovane Fabio quantomeno dimostra di avere posizione non prestando mai il fianco agli avversari.
POLANI: voto 5,5. Detto alla romana: se magna un gol già fatto. Sgomita contro i possenti difensori avversari. Nella ripresa troppo lontano dalla porta per poter impensierire Mancinelli.
DANTI: voto 6. Pronti-via e l’arbitro gli sventola il giallo. Ma lui è più ingenuo che scaltro. Trottorellando entra in partita. Nella ripresa ha la lucidità per creare grattacapi ai difensori giallorossi ma predica nel deserto. Chidere a Cantoro.
CATANIA: voto 6. Giocate di spessore nel primo tempo. E’ l’unico a puntare l’uomo ed a saltarlo. Sta bene fisicamente e si vede. Ha la pecca di non provare mai il tiro anche da buona posizione. Esce per infortunio nella ripresa.

ALL. TOSCANO: voto 6,5.
Partita molto tattica. Non era facile per lui schierare una squadra che, più di quella giallorossa, sentiva la partita. L’unico neo: troppo tardi la sostituzione di Galantucci e l’ostinazione a far giocare Occhiuzzi nella ripresa.

Subentrati:
CANTORO: voto 5,5.
Non riesce ad entrare mai in partita. Danti gli serve il pallone della gloria ma lui sembra essere lì per caso.
MORELLI: voto 6. Seppur poco, gioca bene. Il Catanzaro gli concede spazio e lui non disdegna la percussione tanto da trovare anche un rigore che l’arbitro, però, non gli concede.
GALANTUCCI: voto 6. Poco in campo per incidere. Prova a trovare qualche pallone giocabile senza riuscirci. Cantoro non gli da certo una mano.

CATANZARO: Mancinelli 6; Ciano 6,5, Armenise 6,5, Gimmelli 6,5, Di Maio 7, Zaminga 6, Cardascio 5,5, Bruno 6, Montella 5,5, Caputo 6, Tomi 6,5. All. Provenza 6,5

CHI E’ ALESSANDRO RENZETTI
Alessandro Renzetti nasce a Grosseto il 21 febbraio del 1955. Centrocampista di indubbie qualità tecniche (specialista dei calci di punizione) esordisce con la maglia del Cosenza il 28-9-1980 in Cosenza-Giulianova 2-2. Con la maglia rossoblù colleziona 110 presenze (99 in campionato e 11 in Coppa Italia) con 12 reti (10 in campionato e 2 in Coppa Italia). Opinionista di Radio Libera Bisignano.

RENZETTI Alessandro
Grosseto – 21.02.1955
Centrocampista – m. 1.77; kg. 76
Prov. dal Messina; poi dal Potenza
Esordio: 28.09.80 Cosenza-Giulianova 2-2

Campionato Serie Presenze  Reti
  1980-81     C1        19         1 (1)
  1981-82     C2        28         4
  1982-83     C1        23         4 (1)
  1983-84     C1        29         1
 Totale          –         99        10 (2)

Coppa Italia Serie Presenze  Reti
  1980-81      C          1         –
  1981-82      C          4       1 (1)
  1983-84    A-B-C     6       1 (1)
   Totale             –  11        2 (2)

Related posts