Tutte 728×90
Tutte 728×90

Toscano e “la bottiglia rotta”. Nello spogliatoio di Melfi la riscossa

Toscano e “la bottiglia rotta”. Nello spogliatoio di Melfi la riscossa

A fine primo tempo il tecnico ha strigliato la squadra. Rotta anche una bottiglia dalla rabbia. Nell’intervallo il Cosenza ha capito che doveva cambiare registro.

toscano_4.jpgMelfi ore 15:17. Le squadre rientrano negli spogliatoi con i padroni di casa in vantaggio di una rete. I primi quarantacinque minuti sono stati giocati male, molto male dal Cosenza. Toscano, molto adirato, entra nello spogliatoio e mostra tutto il suo disappunto per un approccio alla gara sbagliato e per una reazione mai avvenuta. E’ lo stesso tecnico, in sala stampa, a sottolineare. “Ero arrabbiatissimo. Forse le bottiglie rotte servono a qualcosa”. Un riferimento per nulla casuale. Sembrerebbe infatti che, dalla rabbia, il tecnico abbia scaraventato una bottiglia a terra. Un gesto che ha scosso i giocatori che si sarebbero guardati negli occhi. Proprio in quel momento è partita la riscossa del Cosenza che, nel girone di sessanta secondi, ha ribaltato il risultato dimostrando di essere la capolista del girone C di Seconda Divisione. La strigliata è funzionata e come. E se lo dice Braca c’è da crederci. “Eravamo arrabbiatissimi. Il mister, ovviamente, più di noi. Nel primo tempo abbiamo giocato male e nessuno può essere salvato. Poi, dopo l’intervallo, è entrato in campo un altro Cosenza”. Chissà così si inventerà adesso il tecnico per traghettare i suoi alla conquista della promozione. (c.c.)

Related posts