Tutte 728×90
Tutte 728×90

Bernardi: “Il rigore c’era ed è valso un punto meritato”

Bernardi: “Il rigore c’era ed è valso un punto meritato”

“Sono stato toccato e sono andato giù. Decisione sacrosanta e pareggio che ci permette di rifiatare in vista della sosta”.

bernardi_in_sala_stampa2.jpgInizia con il racconto del gol che ha evitato almeno parzialmente al Cosenza una brutta figura, l’analisi di Alessandro Bernardi sul match contro il Piscina. L’esterno di mister Toscano ha confezionato l’azione che ha portato al contestato rigore che ha permesso a Cantoro di trovare a tempo scaduto il punto del pari. “Ho dribblato un uomo e sono entrato in area, poi so solo di esser stato toccato sul piede d’appoggio assolutamente prima che il mio avversario riuscisse a prendere la sfera. Il rigore c’era ed è valso un pareggio meritato”. Bernardi non si limita a prendere in analisi l’azione del gol, anzi commenta anche in maniera giustamente critica la prestazione disputata. “Abbiamo giocato un primo tempo davvero sottotono, non trovavamo sbocchi, non riuscivamo a raggiungere il fondo ed eravamo in inferiorità nella zona nevralgica del campo. Poi nella ripresa grazie agli innesti di Catania e Carli, siamo riusciti a macinare gioco e a mettere apposto le cose”. Il punto è comunque importante e complice la pausa bisognerà capire se il Cosenza ha bisogno di forze fresche o le ultime prestazioni non del tutto positive sono solo frutto della stanchezza. Bernardi ha le idee chiare: “In allenamento vedo un gruppo unito e completo. Se qualcuno arriverà sarà il benvenuto e non tocca a me fare analisi di mercato, sono convinto però, che abbiamo gli uomini giusti per continuare il cammino intrapreso e queste settimane di riposo ci ricaricheranno in vista dei prossimi cruciali impegni. Gela e Catanzaro non mollano, questo implica che noi dobbiamo pensare solo a fare risultato e a guardare in casa nostra, sperando di ricominciare con una vittoria a Gennaio”. Augurio al quale ci associamo, nella speranza che la pausa porti anche qualche dono sotto l’albero di mister Toscano.  (F.P.)

Related posts