Cosenza Calcio

Cosenza, 28 anni dopo l’anno inizia col botto

La prima gara dell’anno fu vinta a Benevento (1-2) con una doppietta di Prima. Da allora sono passati circa trent’anni.

79-80_cosenza-lamezia.jpgIl Cosenza inizia col botto il nuovo anno, vincendo la prima gara in trasferta. Non accadeva da ben 28 anni e precisamente dal campionato 1980-81 in serie C1, girone B. Era il 4 gennaio, e la squadra allenata da Pietro Fontana riuscì a portar via da Benevento i due punti.
Questo il racconto di quella partita. “Il Cosenza espugna il “Santa Colomba” al termine di un incontro denso di emozioni. Il Benevento aggredisce il Cosenza ma i “lupi”, con una tattica attendista, dopo aver lasciato sfogare gli avversari, sferrano il loro micidiale contropiede andando a segno due volte. Al 33′ il Cosenza passa in vantaggio: azione sulla tre quarti, De Pasquale segue l’inserimento di Reggiani e crossa verso il centro; il libero apre sulla destra per Prima, il cui colpo di testa è vincente. I sanniti accusano il colpo e non fanno in tempo a riaversi che puntuale giunge il raddoppio. De Pasquale serve Zottoli che lascia proseguire Prima, gran botta del centravanti che corre rasoterra e, forse leggermente deviata, termina nel sacco. Il Cosenza ha in pugno l’incontro ma, quando tutto sembra filare liscio, entra in scena l’ineffabile Sig. Tuveri di Cagliari. Al 50′ il Cosenza va in rete per la terza volta: Zottoli, ricevuto un pallone aereo da Prima, scatta in avanti supera in tackle il mediano Grandi e, giunto in prossimità della porta, gli si fa incontro Tarocco in uscita; l’ex livornese lo dribbla e scaraventa in rete con calma olimpica. Gli spalti sono ammutoliti ed i rossoblu fanno capannello. A questo punto, il capitano giallorosso Ventura richiama l’attenzione dell’arbitro invitandolo a consultare il guardalinee, che resta impalato con la bandierina alzata: lungo confabulare e rete annullata per un presunto fallo di mano dello stesso Zottoli. La mancata concessione della rete innervosisce i rossoblu e galvanizza i padroni di casa, che prendono a spingere in un forcing asfissiante. D’Astoli fa le spese della protervia di Bertini, che l’arbitro non può esimersi di espellere e, due minuti dopo, il Benevento va in rete. Un sapiente suggerimento di Barbieri libera Frigerio che accorcia le distanze con una bella conclusione. Saltano i nervi a tutti: al 62′ Rocco resta a terra, forse colpito da un oggetto piovuto dalla curva nord. D’Astoli ostacola nettamente in area Ermini ma il direttore di gara, che ormai ha smarrito la bussola, per bilanciare la colossale topica del gol annullato al Cosenza, non se la sente di fischiare la massima punizione. Al 78′ il libero giallorosso Saviano, sganciatosi in avanscoperta, coglie la traversa ed i rossoblu tirano un sospiro di sollievo. Il successo sembra ormai conseguito ma, a tre minuti dal fischio di chiusura, l’arbitro assesta la sua mazzata indicando il dischetto del calcio di rigore. Ermini, dal limite dell’area, scocca un forte tiro che sfiora la punta delle dita di Zottoli. E’ un chiaro tocco involontario e trascurabile ma, “la giacchetta nera” lo magnifica facendolo divenire il clou della contesa. Dopo le proteste, Rocco viene espulso e Saviano si appresta a trasformare. Conclusione di destro e prodezza di Lattuada che, disteso in tuffo, respinge di pugno sulla propria sinistra. Sulla palla s’avventa Barbieri ma spedisce oltre i pali. Ridotto in nove uomini, il Cosenza stringe i denti e chiude vittorioso. Dal “tre” a zero al pareggio, il passo è stato breve ma sarebbe stata una beffa atroce”. (Archivio Ernesto Pescatore) 

Questo il tabellino dell’incontro 
14ª Giornata 04 gennaio 1981
Benevento – Cosenza 1-2

Benevento: Tarocco, Cazzani, Ventura, Grandi, Franchini (46′ Bertini), Saviano, Ripa (35′ Barbieri), Mauro I, Pierleoni, Ermini, Frigerio. A disposizione: Gonnelli, Mottola, Finetto. All. L. De Petrillo.
Cosenza: Lattuada, Veronesi, D’Astoli, Reggiani (84′ Rizzo A.), Rocco, Bacilieri, Palazzotto (78′ Iacopino), De Pasquale, Prima, Zottoli, Missiroli. A disposizione: Basta, Labellarte, Melfi (mancava il secondo portiere Cannataro).
Arbitro: Tuveri di Cagliari.
Marcatori: 33′ e 39′ Prima, 57′ Frigerio.
Note: pomeriggio piovigginoso, ventilato e freddo. Terreno di gioco in discrete condizioni. Spettatori 6.000 circa di cui 3.250 paganti per un incasso lordo di £. 8.720.000 (esclusa la quota dei 2.200 abbonati). Gran tifo in curva sud, addobbata con vistosi striscioni giallorossi. Nel Cosenza, assenti Tortelli squalificato e Renzetti infortunato. Espulsi: al 55′ Bertini per un presunto fallo, a gioco fermo, su D’Astoli, all’84’ Missiroli ed all’87’ Rocco, entrambi per somma di ammonizioni. Ammoniti inoltre: al 42′ De Pasquale per proteste, al 60′ Grandi per fallo su Zottoli, al 72′ D’Astoli per simulazione ed al 76′ Lattuada per proteste. Al 50′ annullata una rete a Zottoli. Calci d’angolo 9-0 per il Benevento.

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina