Tutte 728×90
Tutte 728×90

Serie C maschile: ecco la giornata numero “11”

Questo sabato è denso di appuntamenti pallavolistici per gli appassionati della serie C: molte partite in programma per l’undicesima giornata si giocano oggi. Si comincia, come al solito, alle 18: in contemporanea scendono in campo il Cosenza (in casa contro la Scuola Volley Paola) e il Cinquefrondi, che affronta il Bovalino. I pronostici danno per favorite le squadre di casa, però il Bovalino (vista la recente vittoria) potrebbe fare uno sgambetto a Colloridi e compagni. Alle 18.30 iniziano altre due partite a Donnici e a Lamezia. Nel gelido palazzetto di Donnici, il Montalto ospita la squadra di casa. Sembra un “non senso” dirlo, ma è così: vista la carenza e l’indisponibilità di campi regolamentari nell’hinterland, purtroppo è vero. In contrada Sant’Elia si trovano di fronte due squadre in deficit di risultati: il Montalto ha più necessità dei tre punti, visto che il Bovalino è tornato ad alitargli sul collo, però pure il Donnici ha necessità di far risultato, per non staccarsi dal gruppo di testa. Una gara aperta tra due squadre che si conoscono bene. Ci saranno pure due ex: il palleggiatore Lionetti ed il centrale Nasso, entrambi ex Montalto.

 

La capolista Ge.Ki, invece, non dovrebbe aver problemi a vincere contro la Raffaele Lamezia, nonostante ci sia nelle sue file qualche atleta non al top.

Il big match di questa giornata, però, è Follis-Volo. in campo alle 19 a Laureana (RC). Si tratta di due squadre che sono in un ottimo stato di forma: sarà una partita decisa probabilmente al tie break.

Si giocano domani le due gare che completano il tabellone: Milani-Victorya e Crotone-Belvedere. La Milani gioca per prima, alle 16 e trenta, sul campo amico di Donnici. Considerando i risultati finora ottenuti dal Victorya, non sarà facile per i ragazzi guidati da mister Bruno avere la meglio. Ha un compito più semplice il Belvedere a Crotone: se si potesse”quotare” il risultato della gara, allora il “3-0” a favore dei tirrenici sarebbe dato a meno di “1.0”! (Lorenzo Bianco)

 

 

 

Related posts