Tutte 728×90
Tutte 728×90

La Curva Nord protesta fuori il “D’Ippolito”. Lo striscione: “Resistiamo”

Quindici supporter della Catena riescono a raggiungere ugualmente Lamezia Terme e inscenano un volantinaggio all’esterno l’impianto sportivo.

curva_nord_a_lameziaIn Curva Nord ogni domenica appaiono striscioni contro le leggi antiviolenza che negli ultimi anni sono andate sempre più inasprendosi. La tifoseria del Cosenza è stata già colpita in passato da provvedimenti che ne hanno impedito le trasferte e chiuso il San Vito, ultima la decisione di far disputare il derby di Lamezia senza rossoblù sugli spalti. La Curva Nord però ha messo in moto l’ingegno ed ha escogitato un modo per arrivare ugualmente al “D’Ippolito”. Quindici ultrà hanno reperito i tagliandi d’ingresso e si sono recati all’esterno dello stadio lametino appendendo uno striscione (“Ultras resistiamo”) e lasciando dei volantini sui parabbrezza delle autovetture in sosta. Dagli spalti sono piovuti tanti fischi, ma in campo il Cosenza segnava il 2-0 con Catania. Nel comunicato in questione, di cui riportiamo una parte  e rimandiamo la lettura globale al sito www.curvanordcosenza.com,   è possibile leggere un duro attacco al sistema calcio: “Questa è solamente una palese strategia per uccidere la passione calcistica e il fenomeno ultras costringendo subdolamente i tifosi ad accomodarsi in poltrona davanti la tv per godersi lo spettacolo, che non potrà mai piu’ essere tale, perchè senza il tifo, senza i colori, gli sfottò, la goliardia, quello che è conosciuto come lo sport più bello del mondo diverrà solamente uno squallido teatrino ad uso e consumo di pochi intimi”. (c.c.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it