Tutte 728×90
Tutte 728×90

Battisti-Ramora-Mortelliti: ecco in cosa il Cosenza è diventato più forte

Battisti-Ramora-Mortelliti: ecco in cosa il Cosenza è diventato più forte

L’arrivo dei nuovi acquisti ha dato un piglio diverso alla capolista e mentre le inseguitrici inciampano, Toscano si gode la vetta guardando tutti dall’alto.

mortelliti__battistiBisogna ammettere che sinora ha avuto ragione Massimo Mirabelli. Senza se e senza ma. Il direttore ha regalato a Mimmo Toscano tre pedine che hanno letteralmente eliminato le critiche circa il gioco dei rossoblù. A Lamezia si è disputata la classica partita perfetta: cinica e da grande squadra. Si sono corsi solo due pericoli, subito dopo il via con un missile da trenta metri e nella ripresa su un’inzuccata di Falco, ma giusto perché in campo di solito scendono anche gli avversari. Per il resto è tutto oro quello che luccica. Battisti (fotorosito) ha dato al centrocampo dei silani quello che mancava: esperienza e sagacia tattica. Il mediano di Poggio Bustone ha tra le sue caratteristiche quella di spingersi in avanti e di cercare la zampata giusta, ma soprattutto sa verticalizzare velocemente. Il buon Spinelli, invece, si limitava a svolgere il suo compitino senza strafare. Assolutamente positivo il suo girone di andata, ma Raffaele è un’altra cosa. Ramora è la sorpresa assoluta. Può giocare sia a destra che a sinistra (etereogenità importantissima per Toscano), ma con finalità diverse. Sulla corsia mancina tende ad accentrarsi e provare il tiro o l’assist. Non realizzerà molti gol, ma tecnicamente si colloca nei piani alti dell’intero organico. Sull’altra fascia, quella naturale, scarta l’uomo ed arriva sul fondo con grande naturalezza. Occhiuzzi è avvertito. Mortelliti, infine, è la ciliegina sulla torta. Dando l’annuncio dell’acquisto del fantasista messinese, cosenzachannel.it si era sbilanciato a dire che avrebbe fatto la differenza. Ebbene, dopo le prime tre uscite, possiamo dire di averci visto bene. E’ il classico numero dieci che mancava all’allenatore reggino, il quale può utilizzarlo indistintamente da trequertista (in tutti e tre i ruoli) o da seconda punta. Cantoro, già in gol a Potenza, non faceva al caso del Cosenza. (lui. bra.)

Related posts