Tutte 728×90
Tutte 728×90

La schiettezza di Moschella: “Mi sento ancora un giocatore importante”

Per il difensore rossoblù non bisogna abbassare la guardia: “La strada è ancora lunga”.  

moschella.jpg“Sentirsi un giocatore importante ti aiuta anche in allenamento”. E’ così che Ivan Moschella inizia ad analizzare il suo incredibile stato di forma. Un giocatore sul quale si può sempre fare affidamento. Tanto che Toscano lo sta utilizzando con frequenza in questa seconda parte di stagione. “Se ti alleni convinto di fare bene e se dai sempre il meglio di te in allenamento – afferma il difensore –  poi quando scendi in campo questo si vede. Quando invece uno si allena da “riserva”, poi scende in campo da riserva e si nota”. Un ragionamento che non fa una piega quella del buon Ivan, che però avverte i compagni sul prosieguo del torneo: “In questo girone di ritorno ogni punto che si conquista è importantissimo. Noi dobbiamo provare a ripetere il girone di andata, dove penso abbiamo fatto qualcosa di incredibile”. Si fa un gra parlare dei nuovi arrivi in casa rossoblù, e Moschella spende una parola per Ciccio Mortelliti. “Ho giocato con lui in passato a Crotone. Devo dire che il fiuto del gol lo ha sempre avuto, ma adesso forse è diventato ancora più cattivo sotto porta. Speriamo continui così. Poi Battisti e Ramora sono due calciatori importanti che si sono integrati subito alla grande nel nostro gruppo. La società ha fatto un gran mercato”. Sul suo possibile futuro ancora in casacca silana non si sbilancia tanto: “Sono discorsi che preferisco fare a promozione acquisita. Poi con Mirabelli ho un rapporto stupendo. Basta che ci parlo 30 secondi e ci capiamo”. Vista la sosta per il torneo di Viareggio, la chiusura non poteva non essere dedicata ai migliori giovani di quest’anno. “Ovviamente per me sono quelli del Cosenza. Soprattutto Fabio e Profeta che si sono sempre allenati con grandissima professionalità facendosi trovare sempre pronti. Poi ovviamente Danti che continua a crescere, e Ciccio De Rose che per noi è uno di quelli stra-importanti”. Domanda finale per Moschella: un consiglio proprio per De Rose, ambito da tante squadre anche di serie B. “Dovrebbe imparare l’italiano”. Una battuta che racchiude tutto lo spirito del gruppo Cosenza Calcio. (Daniele Mari)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it