Tutte 728×90
Tutte 728×90

Berretti: Cosenza-Juve Stabia 2-1

Berretti: Cosenza-Juve Stabia 2-1

Prova maiuscola dei ragazzi di Petrucci che rimontano i campani grazie alla reti di Martino e Viscardi.

calcio_dinizio_cosenza-juve_stabiaA bocca aperta. La Berretti di Riccardo Petrucci sta lasciando tutti senza parole. Soprattutto gli avversari. Contro la Juve Stabia, squadra tonica, veloce, collaudata e costruita per vincere il girone, Viscardi e compagni hanno portato a casa un altro successo. Non si parli di vittoria però, ma di successo, perché i novanta e rotti minuti di questo pomeriggio hanno messo in luce le qualità tecniche e caratteriali di una squadra che non molla mai e ci crede fino al fischio finale. La cronaca: Pronti via e i campani provano a prendere in mano il pallino del gioco organizzando la manovra in maniera rapida e attenta. I rossoblù non sembrano soffrire la fisicità degli avversari, ma al 10’ vanno sotto. Su un’azione portata avanti da Barbosa e Di Pietro, Marchio atterra in area il numero 11 avversario. Per il signor Longo è rigore e dal dischetto Langellotti trafigge Di Iuri. Da questo momento in poi è solo Cosenza. I lupacchiotti ci provano con Doninelli e Viscardi e al 20’ arriva la prima occasione buona per il pareggio. Martino si smarca in area di rigore e viene falciato da Autieri. E’ calcio di rigore, ma Viscardi dal dischetto calcia debolmente fra le braccia di Cimmino. Salandria e compagni nonostante la ghiotta occasione non perdono la testa e fino alla fine del primo tempo in campo c’è solo il Cosenza. La Juve Stabia si affida al contropiede e all’estro del pericolosissimo Barbosa, mentre gli uomini di Petrucci sfiorano il gol con Doninelli da fuori area e Viscardi che manca l’appuntamento col pallone dopo un prezioso assist di Salandria. Si va negli spogliatoi e Petrucci striglia i suoi ragazzi, che entrano in campo con un piglio assolutamente diverso. Al 50’ Salndria stoppa la sfera di petto e calcia al volo da trenta metri sfiorando la traversa. La spinta del Cosenza diventa pian piano sempre più consistente e al 70’ produce il terzo penalty della partita. Chiappetta, subentrato a Vasso, entra in area e viene fermato fallosamente. Dal dischetto stavolta si presenta Martino, freddo nello spiazzare l’estremo difensore avversario. Il pareggio è giusto ma si può osare. E allora nuovamente Chiappetta scodella in area un cross che Viscardi non trasforma in rete per poco. L’appuntamento con il gol per il numero 9 rossoblù è solo rinviato, perché al 90’ da una punizione di Martino, nasce la spizzicata di Salandria che consente al bomber rossoblu di far esplodere la gioia dei presenti e della panchina. E’ un successo meritato, secondo di fila, contro una Juve Stabia ricca di contenuti tecnici ma frenata dalla voglia di vincere dei lupacchiotti, che continuano con ottimi risultati a crescere. Sul piano emotivo e soprattutto sul piano tecnico. Complimenti a Petrucci e allo staff. Ma soprattutto ai ragazzi che hanno creato un gruppo con una mentalità assolutamente vincente. (Francesco Palermo)

Il tabellino della gara
COSENZA:
Di Iuri, De Bartolo(60′ Carlucci), De Simone(60′ Mancuso), Aquino, Viola, Marchio, Martino, Doninelli, Viscardi, Salandria, Vasso(68′ Chiappetta). In panchina: Nicolosi, Trombino, Carlucci, Zanfini, Sposato, Mancuso, Chiappetta. All: Petrucci.
JUVE STABIA: Cimmino, Castiglione, Esposito, Autieri, Langellotti, Mancuso, Barbosa, Tarasco, Di Pietro, Marano(60′ Belviso), Savino(80′ Di Tuono). In panchina: Lobbaganara, Cateletto, Bennato, Schettino, Santoro, Belviso, Savino. All: Matrullo
ARBITRO: Longo di Paola
MARCATORI: 10′ Langellotti, 75′ Martino, 90′ Viscardi

Related posts