Tutte 728×90
Tutte 728×90

Sciannimanico ricorda: “Il nostro campionato iniziò col Cosenza”

Sciannimanico ricorda: “Il nostro campionato iniziò col Cosenza”

Il tecnico del Noicattaro si aspetta un match intenso e chiede una bella gara ai suoi ragazzi. Sulla capolista: “E’ la più forte, l’ho sempre detto”.

sciannimanicoDopo la battuta di arresto di Atessa, gli uomini di Toscano dovranno vedersela contro il Noicattaro di Lello Sciannimanico.L’allenatore rossonero, che ha nel suo personale palmares uno scudetto e un torneo di Viareggio vinti con la primavera del Bari, dichiara di non arrivare al San Vito come vittima sacrificale. “Domenica scenderemo in campo con il massimo rispetto verso la capolista  – dichiara ai microfoni di cosenzachannel.it – ma certamente non alzeremo alcuna barricata a meno che il Cosenza non ci costringa a farlo. Considero la squadra di Toscano la più forte e non ne ho mai fato mistero”. I rossoblù sono avvisati: domenica niente cali di concentrazione. Il tecnico pugliese, domenica dovrà fare a meno di tre uomini: il difensore Lollini, il centrocampista de Pascalis e soprattutto ci sarà l’assenza di De Florio. “Andrea ha dei problemi muscolari e non sappiamo quando riuscirà a recuperare”. Il trainer ospite non nasconde l’emozione che avranno i suoi nel calcare il manto verde del San Vito. “Ho detto ai miei ragazzi di stare tranquilli e sereni. Molti di loro non sono abituati a giocare in stadi di questa portata e non ci capita tutte le domeniche di avere così tanti tifosi contro”. A prescindere dal fattore ambientale, il Noicattaro non si dimostra squadra “da trasferta”. Lontano dal terreno amico, i rossoneri hanno totalizzato sette punti grazie ad una vittoria e sei pareggi. Nonostante tutto sono ben 30 i punti attuali in classifica. “Questa posizione, all’inizio della stagione, era per noi impensabile. Il nostro obiettivo rimane sempre la salvezza. Non abbiamo i mezzi né la forza per pensare ai play-off ma stiamo facendo un campionato più che dignitoso”. Il vero campionato del Noicattaro iniziò proprio il 12 ottobre quando affrontò e vinse contro il Cosenza. “Quella gara fu per noi un trampolino di lancio – afferma Sciannimanico – vincemmo la prima partita e iniziò un buon periodo. Il Cosenza non fece una buona gara ma abbiamo fatto nostra l’intera posta in palio meritatamente”. Per il Cosenza c’è l’obbligo di vendicare quella battuta d’arresto (la prima) e recuperare i punti persi nelle precdenti gare contro Isola Liri e Val di Sangro. (Stefano Sicilia)

Related posts