Tutte 728×90
Tutte 728×90

Battisti : “Guardiamo solo a noi stessi”

Battisti : “Guardiamo solo a noi stessi”

Il centrocampista rossoblù: “Il Gela sembra avere il calendario più agevole? A noi non deve interessare. Pensiamo gara per gara. Adesso sotto con l’Aversa”

battisti_salta_sassanelliDomenica ha realizzato il suo secondo gol con la casacca del Cosenza al San Vito, scacciando insieme ai compagni i fischi e i malumori che lo stadio aveva sprigionato a fine primo tempo. Raffaele Battisti sembra sempre più la vera mente del centrocampo silano anche nell’analisi della gara: “Dopo il rigore pensavamo che la strada si fosse messa subito in discesa e ci siamo deconcentrati. Poi il gol loro ci ha mandato in tilt. Rientrati negli spogliatoi è bastato guardarsi in faccia e ci siamo capiti al volo. Nel secondo tempo abbiamo reagito sfoderando anche una grande prstazione sotto il profilo del gioco. Abbiamo così tramutato i fischi in applausi e questo ci  ha inorgoglito tanto”. Il 3-1 finale porta anche la sua firma e col sorriso stampato commenta: “Gli attaccanti della squadra mi hanno fatto i complimenti per come ho calciato di prima. Ho fato un gol da bomber, ma è un po’ che mi piace inserirmi negli spazi e calciare in porta”. Da qui alla fine del campionato mancano dieci gare, sei delle quali il Cosenza le giocherà fuori, d’altra parte il Gela inseguitrice ne ha sei in casa e quattro fuori. Calendario che sembra dunque agevolare i siciliani. “Sembrerebbedi si – afferma Battisti – ma a noi non deve proprio interessare. Dobbiamo guardare al nostro di calendario che già domenica ci mette di fronte una gara ostica a Aversa. E solo a noi stessi che dobbiamo pensare. Se noi non sbagliamo gli altri possono anche vincere tutte le altre gare”. L’azione del suo gol domenica l’aveva iniziata Polani con una bella incursione sulla sinistra. Questo il Battisti-pensiero sull’attaccante rossoblù. “Per noi è importantissimo averlo ritrovato in forma. Uno come lui che ci da una mano sempre è importante. Si sbatte molto sul campo, poi magari inevitabilmente sotto porta arriva poco lucido, ma se non segna lui ma fa segnare gli altri va bene lo stesso”.  (Da. Ma.)

Related posts