Tutte 728×90
Tutte 728×90

A1 maschile. Play off scudetto: Vibo-Trento gara-2, la diretta dal campo

Tonno Callipo Vibo – ITAS Diatec Trentino: 0-2 (22-25, 23-25,19-25)
Vibo: Raphael, Contreras, Diaz, Sammelvuo, Cozzi, Barone, Cicola (L), Ditlevsen, Ferraro, Divis, Shumov, Bozidis. All.: Jon Uriarte.
Trento: Grbic, Vissotto, Winiarski, Kaziyski, Birarelli, Piscopo, Bari (L), Segnalini (L), Della Lunga, Zygadlo, Leonardi, Riad, Stefanov. All.: Radostin Stoytchev
Arbitri: Matteo Cipolla e Nicola Castagna

Mancano dieci minuti al via.
Gradinate e corridoi strapieni.
Ad un’ora dall’inizio, il parcheggio antistante il palasport non consentiva di mettere dentro neanche una macchinina giocattolo.
Probabili formazioni:

Vibo: Raphael in regia, Contreras opposto, Sammelvuo e Diaz di banda, Barone e Cozzi al centro, Cicola il libero.
Trento: Grbic in regia, con Vissotto opposto. Winiarski e Kaziyski i ricettori-attaccanti, piscopo e Birarelli i centrali, Andrea Bari il libero.
Si parte.

1° set.
Squadre confermate. Vibo carico più che mai. Equilibrio al 3-3, poi Vibo scappa all’8-5
Ancora Vibo avanti, con il solito Contreras: 4 su 4 in attacco.
Si arriva al 14-9, ma una serie di errori in attacco fa recuperare terreno.
L’aggancio arriva sul 17-17, dopo una serie di errori in attacco e in ricezione.
A questo riguardo, il Trento batte quasi sempre su Cicola, per pressarlo, ma il campione ropmano regge benissimo: 12 ricezioni perfette su 15. Soffre invece Diaz, specie sulla battuta di Vissotto.
25-22 in 24 minuti, per Trento, il primo parziale
2° set.
Moltov brutto il gioco da entrambe le parti, con la differenza che Trento fa punti.
6-8 e 11-16 i due t.o. tecnici.
Rientra in partita Kaziyski, nonostante i fischi “di stima” del pubblico locale.
Contreras non è il “solito”, Sammelvuo poco servito. Diaz si vede a tratti.
Cicola, nonostante la buona gara complessiva, sembra cominciare a soffrire la pressione.
23-25 (per Trento) il secondo set, in 28 minuti
3° set.
La “testa” dei giocatori di casa non c’è. Questa la prima cosa che appare evidente, all’inizio del terzo set. Trento fa il compitino e Vibo non riesce mai ad avvicinarsi e tentare qualcosa.
8-5 e poi 16-12 il punteggio ai due time out tecnici.
Sotto tono il regista, Raphael, molto “leggibile” dallo staff tecnico trentino, ma è l’aria chetirava nelle file calabresi, a lasciare un senso di amamro in bocca. Kaziyski fa il suo, con 10 punti, lo stesso fa Winiarski, con i sui 16, di cui otto nel terzo parziale.
Difficile, parlando in tribuna stampa, indicare un migliore in campo, vista la partita bruttina.
Noi abbiamo indicato proprio Winiarski, in virtù di un finale di gara sopra la sufficienza.
Cosa dire, dei giocatori della Tonno Callipo?
Raphael senza “peperoncino”, Contreras a sprazzi, Diaz più ombre che luce, i centrali poco serviti (e male!!), Sammelvuo ignorato dal proprio regista e con la faccia assai scura, a fine gara.
Ormai si pensa a gara 3, dove non ci sarà niente da perdere.
Speriamo che l’umore cambi, quantomeno.
(Sergio Lionetti)

Related posts