Tutte 728×90
Tutte 728×90

Morelli: “La promozione dipende solo da noi”

Il terzino sul suo rientro: “Positivo dopo un calvario durato tre mesi e mezzo”. Sulla Prima Divisione: “Questa squadra sarebbe da play-off”. E sul futuro: “Pellicori e Fiore? E’ la società che decide”.

morelli_-_barletta_01

Il terzino rossoblù Massimo Morelli

Mancava dal 14 dicembre scorso, ossia dalla trasferta di Melfi. Da quel giorno, per Massimo Morelli (32), è iniziato un vero e proprio calvario. Il difensore, questo pomeriggio, è ritornato sul pari di domenica scorsa a Barcellona Pozzo di Gotto. “Dovevamo riscattarci dopo lo stop di Scafati. Credo che la reazione si sia vista. Per quanto riguarda la mia prestazione, posso dire di aver disputato una discreta gara dopo tre mesi e mezzo di assenza”. Archiviata la gara contro l’Igea Virtus ci si proietta al prossimo impegno contro l’Andria. “Una vittoria può consentirci di ipotecare la promozione. Nove punti, arrivati ormai alla fine del campionato, sono un bottino importante. Ormai, dipende solo da noi”. Un distacco rilevante su due squadre che hanno cercato sino alla fine di impensierire il primato dei silani. “Credo che Catanzaro e Gela abbiano fatto un ottimo campionato. Noi, però, siamo riusciti a fare meglio. Quello che differenzia il Cosenza dalle inseguitrici? La compattezza del gruppo, la sagacia del tecnico e la professionalità della società. Per non parlare di una tifoseria unica”. Nel proiettarsi al futuro si pensa già al mercato. Per Morelli, però, anche in Prima Divisione questa rosa può far bene. “Credo che l’attuale squadra sia da play-off anche in LP1. Quello che caratterizza questa rosa è che ci sono molti cosentini. Ed è un fatto da non sottovalutare. Ci sono formazioni, vedi la Juve Stabia, che hanno allestito rose importanti salvo poi precipitare in classifica. La nostra società ha dimostrato come bisogna muoversi in tal senso. A volte non serve spendere molti soldi per formare un gruppo vincente. E noi, da due anni a questa parte, lo stiamo dimostrando”. Su possibili nuovi arrivi, però, Morelli non chiude le porte. “Pellicori e Fiore? Li conosco dalle giovanili del Cosenza. Di certo sono giocatori di spessore. E’ la società che decide quali operazione attuare in sede di calciomercato. Quello che posso dire è che, qualora dovessero arrivare, siamo pronti ad accoglierli a braccia aperte visto che oltre ad essere bravi calciatori sono anche dei cosentini”. Poi, parlando di contratto il difensore precisa. “Sono in scadenza (giugno, ndr). Se mi aspetto il rinnovo? Parlerò con il direttore Mirabelli a fine campionato. C’è stima reciproca, ragion per cui non credo che ci siano problemi”. Spazio poi ai giovani della Berretti che potrebbero consacrarsi in prima squadra. “Il salto dalle giovanili in campionati importanti non è facile. Comunque voglio sottolineare che ci sono diversi giovani di prospettiva. Viscardi, Salandria, Doninelli, Martino ed altri se continuano così avranno un futuro assicurato. Molto, però, dipende da loro. Dovranno lavorare tanto”. Chiusura dedicata a chi, in questi tre mesi di stop, gli è stato più vicino. “Voglio ringraziare tutto il Cosenza calcio, in particolare Occhiuzzi, Moschella e Parisi. Ho sofferto tanto a stare fuori. Mia moglie Elvira mi ha dato la forza per lavorare sodo e cercare di ritornare più forte di prima”. E poi la notizia. “Tra venti giorni nascerà mio figlio”. E chissà che non sia un bel maschietto pronto a vestire, tra qualche anno, la maglia rossoblu. Da parte nostra i più sinceri auguri alla famiglia Morelli. (Piero Bria)  

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it