Cosenza Calcio

Macalli: “In Lega Pro prioritaria la tessera del tifoso”

In una riunione tenuta al nord il presidente ha espresso preocupazione per i ripetuti provvedimenti dell’Osservatorio ed ha svelato le sue strategie future.

macalli Macalli, presidente della Lega Pro

Ieri a Milano, nei locali del Comitato Lombardo della LND, si è svolta una riunione della Lega Pro nella quale erano presenti oltre cento dirigenti di società del Centro Nord con la partecipazione del dr. Mazzilli del Ministero dell’Interno. Il tema della giornata riguardava la “tessera del tifoso” e tutti i provvedimenti necessari per evitare o limitare la chiusura degli stadi o di alcuni settori nella prossima stagione. Analoga riunione si svolgerà il 20 a Roma, nella sede della “Calcio Servizi Spa”  in due tappe, una al mattino e una al pomeriggio, per i dirigenti del Centro e del Sud. Tornando al meeting di ieri pomeriggio, ospite d’onore è stato il dr. Domenico Mazzilli che è stato sino a qualche mese fa, prima di andare in pensione, capo dell’Osservatorio Manifestazioni Sportive. Accanto a lui c’erano il presidente della Lega Pro Mario Macalli, promotore dell’iniziativa, con i vice-presidenti Pitrolo e Lombardo, il secondo dei quali, rappresentante della Lega stessa all’Osservatorio, si è avvalso dell’esperienza che si costruito in proposito nelle ultime stagioni. Presenti anche il segretario Consigliaro, l’avv.Bonanni e altri rappresentanti della Lega Pro. “La situazione non è semplice ma bisogna lavorare con fiducia – ha detto Mazzilli – perché un primo traguardo in Italia è stato raggiunto: in serie A e B la stagione si chiuderà con il minimo storico di incidenti accaduti all’interno degli stadi. Ora l’obiettivo deve essere quello dei biglietti nominativi e della video-sorveglianza”. Macalli, però, ha espresso la sua preoccupazione: “Alla luce delle più recenti determinazioni dell’Osservatorio del Viminale, attualmente noi della Lega Pro possiamo contare in prima divisione solo su 15 o 16 stadi completamente a norma, mentre in seconda divisione ne contiamo 10 o 12, forse meno. A Taranto quest’anno si è giocato sempre a porte chiuse, in tante altre città è rimasto chiuso il settore ospiti con grave nocumento economico di chi ospitava. Non possiamo rimanere inerti di fronte a questo stato di cose e per questo abbiamo cominciato a lavorare in tutte le direzioni. La “tessera del tifoso”, a questo proposito, sarà la nostra battaglia del prossimo anno. Una volta che essa sia stata ottenuta da un appassionato di calcio, gli permetterà di acquistare un biglietto per qualsiasi stadio, anche laddove fosse chiuso il settore riservato agli ospiti”. Il vice-presidente di Lega Salvatore Lombardo è entrato nei dettagli del problema: ” Nei campi di prima divisione ed in quelli di seconda con capienza superiore ai 4000 posti dobbiamo arrivare alla tessera nominativa con la quale gli altri obblighi imposti dall’Osservatorio verrebbero a cadere. Ogni società poi dovrà formare un gruppo di steward istruiti da un coordinatore. Il numero sarà fissato prima di ogni partita, in quelle a rischio il contingente dovrà essere adeguato”. La tessera del tifoso, secondo Salvatore Lombardo, eliminerà il provvedimento del porte chiuse ai tifosi ospiti che quest’anno si è registrato in ben 84 partite. In serie A solo Milan e Inter hanno già varato questa tessera. “Noi – ha detto Macalli – vogliamo anticipare gli eventi, la tessera del tifoso, una volta ricevuta, permetterà di acquistare biglietti anche nelle partite in cui un settore venga chiuso dal Ministero ai tifosi ospiti. Il nostro progetto per arrivare a questa tessera in Lega Pro è ritenuto ottimo anche dai vertici della Polizia. In ogni società creeremo un responsabile della sicurezza e ci metteremo a disposizione, laddove ce lo chiedano, anche per l’organizzazione della biglietteria. In proposito ci siamo formati una concreta esperienza nei play-off e play-out degli ultimi anni. E per chi è interessato a migliorare il proprio stadio siamo pronti a fornire il nostro aiuto presso il Credito Sportivo”.   (c.c.)

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina