Tutte 728×90
Tutte 728×90

La trentesima giornata di LP2-C

La trentesima giornata di LP2-C

Match-clou al “Presti” di Gela dove il Catanzaro di Provenza proverà a far sua l’intera posta in palio che significherebbe secondo posto. Ad Atessa in palio la salvezza.

pasca_esulta1

L’esultanza del Gela dopo un gol

E’ una giornata che servirà sopratutto a capire chi tra Gela e Catanzaro partirà davanti alle altre nella lotteria dei playoff. I giallorossi tenteranno di fare loro in terra di Sicilia l’intera posta in palio e di guadagnarsi l’opportunità di giocare al “Ceravolo” le gare che contano. Tra Andria, Cassino e Pescina senza dubbio è la formazione di Chiancone ad avere l’impegno più abbordabile contro un Noicattaro ormai salvo, mentre Abruzzesi e ciociari devono vedersela rispettivamente con Barletta e Manfredonia: due sodalizi con l’acqua alla gola. Il match tra Val di Sangro e Vibonese è un autentico spareggio salvezza. Ecco però tutte le sfide nel dettaglio:
ANDRIA-NOICATTARO: I pugliesi provengono dal ko del San Vito ed hanno la possibilità di rifarsi tra le mura amiche contro un Noicattaro che naviga in posizioni tranquille ed ha affetto dalla “pareggite”
AVERSA NORMANNA-SCAFATESE: I padroni di casa devono vincere se vogliono continuare a coltivare la speranza di poter conseguire la salvezza senza passare dai famigerati playout, mentre i gialloblù dopo gli ultimi exploit sono ormai salvi.
CASSINO-MANFREDONIA: E’ un match interessantissimo. I ciociari sono chiamati al successo per entrare nelle posizioni che contano e centrare una minima parte di quelli che erano gli obiettivi di inizio campionato. Il Manfredonia dal canto suo ha messo la quarta nelle ultime giornate e sembra poter dare fastidio a tutti quanti.
GELA-CATANZARO: E’ il big-match della trentesima giornata. Vale il secondo posto e con ogni probabilità, Cosco si gioca la panchina. Le aquile sono partite alla volta della Sicilia con il dubbio Caputo, ma possono contare su un ritrovato Iannelli.
MELFI-ISOLA LIRI: I lucani non possono ancora cantare vittoria, ma il girone di ritorno disputato dai gialloverdi lascia sbalorditi: ventiquattro punti, due in meno della capolista Cosenza. Isola Liri con l’acqua alla gola e bisognosa dei tre punti. 
PESCINA VdG-BARLETTA: Il Barletta si è fatto riducchiare nelle sabbie mobili della classifica dopo una buona parte centrale di campionato. Da valutare l’effetto terremoto sulla formazione abruzzese.
VAL DI SANGRO-VIBONESE: Per il Val di Sangro vale lo stesso discorso fatto per il Pescina, la Vibonese invece è in caduta libera e sembra non essere in grado di rialzarsi. Per i rossoblù playout quasi scontati.
VIGOR LAMEZIA-IGEA VIRTUS: Pierini non è riuscito a dare la svolta al campionato. Donnarumma però non ha attributo colpe nè a lui nè ad Ammirata. Ha parlato di squadra svogliata che commette errori grossolani. Igea Virtus prossima a mettersi alle spalle la zona playout.

Related posts