Tutte 728×90
Tutte 728×90

Musacco: “La promozione? E’ un sogno che si avvera”

Musacco: “La promozione? E’ un sogno che si avvera”

Il terzino si proietta già alla sfida di domenica prossima: “Col Cassino spero di rivivere la stessa atmosfera che c’era un anno fa contro il Bacoli”. E poi precisa: “Solo a pensarci mi viene la pelle d’oca”.

andrea_musacco

Il terzino Andrea Musacco (27)

La gara di Monopoli è coincisa con il ritorno dal primo minuto del cosentino doc, Andrea Musacco (27). Un buon rientro per il laterale che, nell’analizzare il match, sottolinea l’importanza di dover conquistare punti in questo finale di campionato. “Ormai siamo vicini al traguardo. Non conviene complicarsi la vita. Il pari andava bene a tutte e due le squadre. Forse, abbiamo fatto qualcosina in più noi. Ma, ripeto, alla fine va bene così”. Nel commentare il suo ritorno dal primo minuto Musacco sottolinea. “Sicuramente sono contento. Credo di essermi disimpegnato bene. Sono a disposizione del mister e cerco di fare bene ogni settimana. Quando lo riterrà opportuno sarò sempre a disposizione”. E sulla scelta del tecnico di premiare Profeta lasciando Galantucci in panchina, il terzino è diplomatico. “Ognuno di noi da il massimo per ritagliarsi uno spazio importante. Il tecnico, purtroppo, può mandarne in campo solo undici di noi. Oggi è toccato a Profeta ma sono convinto che Galantucci ben presto ritornerà a segnare come ha fatto ad inizio campionato”. Con il pari di oggi il Cosenza ha fatto un altro passo verso la promozione. “Aspettiamo questa grande festa col Cassino di domenica prossima. Non vediamo l’ora di chiudere ogni discorso. Per me, da cosentino, è un sogno che si avvera. Non sto nella pelle. Solo a pensarci mi viene la pelle d’oca”. Chiusura con ringraziamento. “La società, il direttore Mirabelli hanno costruito una squadra forte in ogni reparto. Non è facile essere primi dall’inizio della stagione. Anzi, non è facile esserlo da due anni. Io l’anno scorso non c’ero ma so quanto bene ha fatto il Cosenza. Spero che domenica contro il Cassino si possa rivivere l’atmosfera che c’era l’anno scorso contro il Bacoli”. (Carlo Bilami)

Related posts