Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il Centro Coordinamento Club invoca la par condicio

Il Centro Coordinamento Club invoca la par condicio

Tramite un comunicato del presidente Antonio Domma, viene chiesto agli organi competenti un intervento per poter garantire la diretta in chiaro.

tribuna_b

La tribuna B dello stadio San Vito

Che la notizia dell’acquisizione dei diritti televisivi da parte di Conto Tv non abbia incontrato il favore di chi sperava di gustarsi l’incontro in maniera gratuita, non era in discussione. Sulla vicenda si stanno spendendo molte parole, ma difficilmente cambieranno le carte in tavola (così come anticipato da cosenzachannel.it nei giorni scorsi). Nel frattempo è giunto il comunicato del Centro Coordinamento Club a firma del presidente Domma, che pubblichiamo integralmente. “Ci risiamo, ancora una volta la tifoseria cosentina viene penalizzata da scelte moralmente discutibili  in nome del Dio Danaro: l’incontro di calcio tra Catanzaro e Cosenza sarebbe per ragioni di ordine pubblico, vietato ai tifosi cosentini. Anche all’andata la trasferta è stata vietata ai tifosi catanzaresi. La differenza è che a Catanzaro ed in tutto il mondo la partita è stata trasmessa in chiaro da Raisport Più, mentre questa volta i sostenitori del Cosenza, anch’essi sparsi in tutto il mondo, dovranno subire la politica mercanteggiante della Lega Pro che vende i diritti di uno storico incontro che, purtroppo, per motivi di rivalità sportiva ed ordine pubblico, è vietato ai nostri immensi tifosi in un momento in cui i lupi si accingono a vincere un campionato! Il Centro Coordinamento Club Cosenza Calcio 1914 e tutti i club affiliati, per le ragioni su esposte, chiedono alle autorità istituzionali un loro autorevole intervento e a sua Eccellenza il Prefetto di Cosenza che si attivi (anche se possibile emandando un atto amministrativo che porti alla revoca dell’accordo stipulato tra Lega e Conto Tv/società) al fine di dare ai tanti tifosi cosentini non possessori della tv satellitare, soprattutto nel rispetto della tanto decantata par condicio, di assistere alla diretta tv in chiaro di quella che definiamo essere non una partita, ma “la” partita: il derby di Calabria”. (c.c.)

Related posts