Tutte 728×90
Tutte 728×90

Corbelli lancia l’iniziativa “Colora la città, Cosenza rossoblù”

Corbelli lancia l’iniziativa “Colora la città, Cosenza rossoblù”

Il leader di Diritti Civili lancia un appello a tifosi: “Imbandieriate città e provincia per un’niziativa abbinata alla solidarietà”. Quale sarà lo striscione che succederà a “L’uomo del monte ha detto…B” che vinse nel 1988?

a_piazza_fera_2

A Cosenza è tutto pronto per la festa

L’entusiasmo stenta ad esplodere? Ci pensa Franco Corbelli, leader di Diritti Civili, ad accendere la miccia. E’ da tempo che Corbelli ha lanciato l’iniziativa “Colora la città, Cosenza rossoblù”. Un modo per premiare i tifosi, coinvolgerli e dare il via alla festa che culminerà, domenica prossima, nella seconda promozione (storica) consecutiva del Cosenza calcio. Di seguito riportiamo il comunicato giunto in redazione. “Il leader del Movimento Diritti Civili, consigliere provinciale e vecchio tifoso dei Lupi, Franco Corbelli, rivolge un appello ai tifosi ad imbandierare la città bruzia e i comuni della provincia e partecipare tutti al grande concorso popolare “Colora la città: Cosenza rossoblu” , promosso dallo stesso Corbelli, con il patrocinio dell’Amministrazione Provinciale (sponsor ufficiale del Cosenza Calcio) e del presidente Mario Oliverio, per festeggiare la promozione del Cosenza 1914 in Prima Divisione. Una simile iniziativa venne promossa con grande successo, sempre da Corbelli, nel campionato 1987-88, l’anno della storica promozione del Cosenza dalla C1 alla Serie B. Il leader di Diritti Civili spiega la sua iniziativa, estesa anche ai comuni della Provincia che volessero partecipare, che “punta a creare grande entusiasmo e partecipazione popolare, dentro e fuori lo stadio, intorno alla squadra e alla società rossoblu, come accadde in occasione delle altre storiche promozioni”. Il concorso “Cosenza rossoblù” sarà legato ad una importante iniziativa di solidarietà che sarà resa nota (insieme al premio e al regolamento) nei prossimi giorni, nel corso di una conferenza stampa. “Per festeggiare la seconda consecutiva promozione la città e adesso anche diversi comuni della provincia iniziano ad essere sempre più contagiate dal clima di festa e di entusiasmo come avvenne lo scorso anno e, in modo straordinario e popolare, nel 1988. Dopo il pari di Catanzaro, che rimanda solo di pochi giorni la certezza matematica della promozione del Lupi, occorre creare grande entusiasmo intorno alla squadra e alla società, far sentire tutto il calore e l’affetto dei tifosi e della città. Alla fine del campionato, tra due settimane, sarà scelto e premiato, da una apposita giuria composta dai giornalisti sportivi dei maggiori media locali, lo striscione, la scritta, l’idea più singolare, simpatica, il palazzo, la scuola, la via, il quartiere più…originale e rossoblù. “Cosenza si avvia a raggiungere e festeggiare, domenica, un nuovo storico traguardo: la seconda consecutiva promozione dalla C2 alla C1 (dopo quella dello scorso anno dalla Serie D alla C2). Bisogna coinvolgere la città e l’intera provincia in questa grande festa di sport e di popolo, per il raggiungimento di un obiettivo che ha un valore (immenso) non solo sportivo. Per questo – afferma Corbelli – voglio riproporre in collaborazione con l’Amministrazione Provinciale e il presidente Mario Oliverio, la fortunata iniziativa che lanciai nel campionato della storica promozione in serie B, quando la città bruzia, già due mesi prima della fine del torneo, si vestì e colorò tutta di rossoblù. In quella occasione venne premiato lo striscione più originale: “L’Uomo del Monte ha detto…B”, posto all’inizio di Via degli Stadi, da un capo all’altro della strada. Alla fine del campionato sarà scelta e premiata, nel corso di una manifestazione nel Palazzo della Provincia di Cosenza, alla presenza della squadra, della società, dei giornalisti sportivi e dei tifosi, l’idea più bella, originale, singolare, simpatica. Questo concorso sarà abbinato ad una importante iniziativa di solidarietà, che sarà resa nota nei prossimi giorni”. (c.c.)

Related posts