Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mercato: Bellavista nel mirino di Mirabelli

Mercato: Bellavista nel mirino di Mirabelli

Concluso l’ingaggio di Roselli, la dirigenza vorrebbe sfruttare gli ottimi rapporti con il procuratore Umberto Calaiò ed alcuni calciatori importanti suoi assistiti.

calaio_procuratore

Il procuratore Umberto Calaiò

In Prima Divisione ci saranno club blasonati vogliosi di tornare in B e calciatori che muoiono dalla voglia di dimostrare tutto il loro valore. Gente che con la D e l’ex serie C2, insomma, ha poco da spartire. Questa mattina, sulle colonne di Calabria Ora, si è parlato di mercato e l’accordo con Fabio Roselli (26), mediano di centrocampo attualmente in forza al Ravenna, è stato dato per certo. I tifosi, però, vogliono essere stuzzicati ed i nomi che vanno più di moda sono quelli di Alessandro Pellicori (27) e di Sandro Porchia (32) entrambi di proprietà del Grosseto. L’attaccante cosentino ha ribadito di volere la certezza di un progetto ambizioso. Qualora gli fosse presentato, non esiterebbe a ritornare in città. Per convincere il compagno di squadra, invece, serve mettere mano al portafogli. Dal Grosseto potrebbe arrivare anche Nicola Mora (29), terzino sinistro dalla buona propulsione che andrebbe a rinforzare la corsia mancina. Mirabelli ha chiesto ad Umberto Calaiò (fratello del calciaotre del Siena e procuratore, tra gli altri, di Antonno Profeta) di sondare il terreno per Giuseppe Statela (21), capitano dell’Under 21 di C e di proprietà del Bari. Al momento gioca nel Benevento, ma i pugliesi hanno fatto sapere che sono intenzionati a puntare su di lui nel prossimo campionato. La promettente ala è nativa di Melito Porto Salvo e bisogna capire se l’aria di casa potrebbe cambiare le carte in tavola. Per dare ulteriore esperienza alla squadra, Calaiò potrebbe portare in riva al Crati Andrea Cupi (33), jolly difensivo dell’Empoli, e Antonio Bellavista (32) centrocampista centrale dell’Hellas Verona, ex giocatore del Bari (ah proposito, la squadra pugliese dopo otto anni è ritornata in serie A senza giocare visto che il Livorno nel posticipo non è riuscito a vincere contro la Triestina). Nel Cosenza che verrà, infine, potrebbe esserci spazio anche per Vincenzo Montalbano, colonna del reparto arretrato all’epoca di Giuliano Sonzogni. Farebbe l’osservatore.  (c.c.)

Related posts