Tutte 728×90
Tutte 728×90

Moschella schietto: “Il futuro? Incerto, preferisco vivere alla giornata”

Moschella schietto: “Il futuro? Incerto, preferisco vivere alla giornata”

Il difensore rossoblù su Toscano dice: “Ha dimostrato il suo valore. Dopo la festa per lui sarà il momento più difficile. Dovrà decidere se seguire la testa o il cuore”.

moschella.jpg

Il difensore rossoblù Ivan Moschella (35)

La festa è ormai alle porte. Nessuno vuole perdersela, anche perché si ha la sensazione che il bello debba ancora arrivare. Intanto, a tenere banco è il futuro di giocatori e allenatore. A promozione raggiunta, infatti, potrebbero esserci novità importanti. Ne parla anche, con molta sincerità, Ivan Moschella (35). “Il futuro? Ancora è tutto incerto. Non so ancora se rientro nei piani per la Prima Divisione. Preferisco vivere alla giornata e godermi questa promozione. Poi si vedrà. Lavoro con MIrabelli e con questo gruppo da cinque anni: mi piacerebbe continuare”. Vivere alla giornata in una città come Cosenza non è facile e “dinamite” lo sa bene. “Cosenza è una città dal palato fine, visti i trascorsi in B. Proprio per questo è difficile farla emozionare. Noi per due anni ci siamo riusciti e per me questo sarà sempre motivo di orgoglio. Quando l’altra sera i tifosi sono venuti a prenderci in autostrada è stato commovente come l’anno scorso e forse anche di più perché avevamo pareggiato”. Moschella nel corso degli anni, trascorsi tra una sponda e l’altra del Crati, ha avuto modo di stringere una grande amicizia con Mimmo Toscano tanto da confessare: “Il mister ha tantissima voglia di festeggiare proprio perché neanche lui sa ancora il futuro cosa gli può riservare. Una cosa è certa, si troverà di fronte a un bivio. So che il cuore gli dice di restare a Cosenza. Ma sarà difficile per lui arrivare ad una scelta”. Prima di festeggiare e di pensare a cosa succederà lunedì, c’è però da affrontare il Melfi. “Non possiamo fallire – conclude Moschella – Già contro il Cassino abbiamo tirato un brutto scherzo ai nostri tifosi. Guai a sbagliare ancora”. (Daniele Mari)

Related posts