Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, undicesima promozione della storia. Terza dalla C2 alla C1

In 95 anni di storia i silani hanno conquistato quattro promozioni dalla C alla B, tre dalla C2 alla C1, tre dalla D alla C ed una dalla quarta serie alla C. La prima fu nel 1945-46 in serie C.

26_-_e_va_a_festeggiare_sotto_la_curva_sud

L’ultima promozione dei silani è storica

Nella sua lunga storia, il Cosenza ha ottenuto, con quella di oggi, undici promozioni. Quattro volte dalla C alla B, tre dalla C2 alla C1, tre volte dalla D alla C ed una dalla quarta serie alla C. La prima nel campionato di serie C 1945-46. 27 i punti conquistati dalla squadra allenata da Renato Vignolini in 21 partite e secondo posto dietro il Leone Palermo. E’ anche la prima volta del Cosenza in serie B, grazie al presidente Mario Morelli e ad un comitato promotori formato da Giuseppe Carci, Ernesto Corigliano, Massimo Cavalcanti, Antonio Cavallo e Pietro Morelli. Dopo due retrocessioni (dalla B alla C e dalla C alla IVa serie) la squadra silana vince il campionato di IVa serie 57-58 con il mister Enzo Bellini; nell’ultima giornata di campionato, i “lupi” battono il Monteponi per 4-2 e si piazzano primi in classifica con 34 punti, seguiti dal Cral Cirio, l’Aquila e Marsala con 32. Presidente del vittorioso campionato è Salvatore Perugini. Tre anni più tardi, nella stagione 1960-61, arriva per la seconda volta la promozione in serie B grazie al “Direttore tecnico” Gyula Zsengeller, al presidente Biagio Lecce ed ai 20 gol di Agide Lenzi. Nell’ultima giornata, il Cosenza ospita il Cral Cirio; la partita termina 0-0. Sul terreno di gioco un silenzio glaciale, una voce al microfono rompe la tensione sugli spalti; è la voce rotta dall’emozione del presidente Biagio Lecce: “Vi annunzio che il Cosenza è in serie B”. Poi crollano tutti, in campo e sugli spalti, ci si stringe e si piange per una promozione meritata ed agognata, i diecimila invadono il campo impazziti, ubriachi di gioia. Il Trapani sconfitto a Chieti dà il via libera al Cosenza che in una gara dai toni drammatici non riesce a piegare la strenua resistenza del Cirio bisognoso di un punto per conquistare lo spareggio salvezza con il Crotone. Dopo tre anni di serie B, tanti anni in serie C e la retrocessione in serie D, segue la promozione in serie C nel 1974-75. E’ l’anno di Emilio Zanotti e del record, tutt’ora imbattuto, di ben 17 vittorie al “San Vito” su 17 incontri. 52 i punti finali, ben 7 in più di Nuova Igea e Vittoria. Nell’ultima giornata di campionato, vittoria per 2-1 contro la Termitana ed i dirigenti del club “Francesco Guido” consegnano una targa ricordo al commissario straordinario Alberto Trotta. Dopo due anni di serie C, la squadra silana piomba di nuovo in serie D ma il purgatorio dura solo un anno. Siamo nel campionato 1977-78 e, grazie alla riforma dei campionati, la squadra allenata da Giorgio Bozzato, pur classificandosi al quinto posto con 40 punti, insieme al Messina è promossa in serie C2 per meriti sportivi. Commissario straordinario è Osvaldo Siciliano. Dopo appena due anni, la squadra cosentina ottiene il salto in serie C1 nel 1979-80. Artefici della promozione, il presidente Elio Spadafora e l’allenatore Nedo Sonetti. Alla 34a giornata, è ospite al “San Vito” il Potenza. Al 24′ Perrotta, su calcio di punizione di D’Astoli, raccoglie lo spiovente e, battendo sul tempo il suo angelo custode Rossi, salta di testa, anticipa l’abbozzo di parata di Lo Muscio e colloca il pallone sotto la traversa. I ventimila esplodono all’unisono e Perrotta, che non sta nella pelle, improvvisa una capriola e corre a raccogliere l’ovazione della curva. La Paganese, sconfitta a Vittoria, è superata: Cosenza 45 punti, Paganese 44. Una stagione disastrosa porta nuovamente la squadra rossoblu in C2, ma dopo appena dodici mesi è di nuovo promozione in C1. Siamo nel campionato 1981-82; alla 34a giornata, il Barletta è al primo posto con 46 punti, già promosso. Al “San Vito” arriva il Martina Franca. Ci pensano Donetti al 13′ su rigore e Luperto al 60′ a far esplodere di gioia i 20.000. Al termine della gara, tutti con le orecchie incollate alle radioline in attesa del finale di Siracusa-Turris; quando viene confermato il risultato di parità, lo stadio esplode in un boato incontenibile. La rituale pacifica invasione di campo sancisce la promozione in serie C1 senza ricorso alla coda degli spareggi. Renzo Aldi ed i calciatori sono issati sulle spalle e per le strade hanno inizio caroselli di auto imbandierate. L’emblematico striscione esposto in tribuna numerata “Ci credevo solo io” è la sintesi di una stagione controversa ed esaltante, durante la quale il Cosenza Calcio con la costituzione in forma societaria chiude un ciclo storico e dà l’avvio ad un nuovo capitolo sportivo. Dopo cinque campionati di serie C1 e, soprattutto, dopo un quarto di secolo, arriva nel campionato 1987-88 la terza promozione in serie B. Alla guida della formazione silana il “Seminatore d’Oro” Gianni Di Marzio; in seno alla società l’avvocato Giuseppe Carratelli. Alla 33a giornata nella Città dei Bruzi arriva la Nocerina. Davanti a circa 22.000 spettatori, Urban al 31′ ed un’autorete di Sassarini al 39′ chiudono il risultato finale sul 2-0. Ma non è finita, perché il Cosenza ha la necessità di conquistare un punto, che arriva con lo 0-0 di Monopoli sette giorni dopo. Cosenza e Licata sono promosse con 45 punti; la Reggina, con 43 punti, è costretta allo spareggio con la Virescit Boccaleone che vince per 2-0 ed ottiene anch’essa la promozione. Dopo nove campionati di serie B, la squadra silana retrocede in serie C1; il presidente Paolo Fabiano Pagliuso chiama alla guida della squadra Giuliano Sonzogni che ottiene subito la promozione (1997-98). Alla 33a giornata, vittoria per 1-0 contro la Turris al “San Vito”. Contro i corallini arrivano i tre punti preventivati ma lo champagne resta in frigo. Il 18° centro stagionale del bomber Margiotta non consente ancora di festeggiare: la squadra silana (65 punti) conserva tre lunghezze di vantaggio sulla Ternana (62), ma nell’ultima di campionato a Casarano, i “lupi” ottengono la diciannovesima vittoria e la promozione. La decima promozione arriva un anno fa. Dopo il fallimento nel 2003 iniziano gli anni scellerati fino a quando Paletta, Chianello e Citrigno non decidono di portare il titolo del Rende a Cosenza. Un’operazione che consente al Cosenza di presentarsi con un vestito nuovo in un campionato difficile come quello di serie D. L’apoteosi la si raggiunge col Bacoli in casa davanti a circa 18.000 spettatori. Uno spettacolo nello spettacolo con la squadra di Toscano che batte i campani grazie ad una doppietta di Bernardi. Infine, quella conquistata oggi dopo una stagione stradominata. Una promozione storica visto che i silani non erano mai riusciti a vincere due campionati consecutivi. (Ernesto Pescatore)

L’ALBO D’ORO DEL COSENZA CALCIO 1914
 

Campionato

Serie

Piazzamento

1929-30

IIª div.

7

1930-31

Iª div.

10

1931-32

Iª div.

8

1932-33

Iª div.

3

1933-34

Iª div.

5

1934-35

Iª div.

8

1935-36

C

10

1936-37

C

5

1937-38

C

12

1938-39

C

9

1939-40

C

12

1940-41

C

7

1941-42

C

7

1942-43

C

3

1943-44

Non disputato

1944-45

Non disputato

1945-46

C

2 P

1946-47

B

12

1947-48

B

10 R

1948-49

C

5

1949-50

C

2

1950-51

C

7

1951-52

C

5

1952-53

IVª

13

1953-54

IVª

9

1954-55

IVª

2

1955-56

IVª

4

1956-57

IVª

4

1957-58

IVª

1 P

1958-59

C

2

1959-60

C

4

1960-61

C

1

1961-62

B

17

1962-63

B

15

1963-64

B

20 R

1964-65

C

4

1965-66

C

2

1966-67

C

6

1967-68

C

8

1968-69

C

12

1969-70

C

15

1970-71

C

9

1971-72

C

14

1972-73

C

14

1973-74

C

18 R

1974-75

D

1 P

1975-76

C

17

1976-77

C

20 R

1977-78

D

5 P (meriti sportivi

1978-79

C2

11

1979-80

C2

1 P

1980-81

C1

15 R

1981-82

C2

2 P

1982-83

C1

6 parteciperà Coppa Italia di A e B

1983-84

C1

7

1984-85

C1

7

1985-86

C1

12

1986-87

C1

4 parteciperà Coppa Italia di A e B

1987-88

C1

2 P

1988-89

B

6

1989-90

B

14

1990-91

B

16

1991-92

B

5

1992-93

B

7

1993-94

B

13

1994-95

B

15

1995-96

B

11

1996-97

B

17 R

1997-98

C1

1 P

1998-99

B

16

1999-00

B

12

2000-01

B

8

2001-02

B

16

2002-03

B

19 R

2004-05

D

9

2007-08

D

1 p.

2008-09

C2

1 P.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it