Tutte 728×90
Tutte 728×90

CdA Cosenza: “Non ci sono le condizioni per un programma ambizioso”

CdA Cosenza: “Non ci sono le condizioni per un programma ambizioso”

Il Consiglio di amministrazione ha deciso di rimettere il proprio mandato. Il diggì Mirabelli gestirà l’ordinaria amministrazione per la chiusura della stagione in corso.

massimiliano_mirabelli

Big Max dovrà gestire il finale di stagione

La decisione era nell’aria. Atto dovuto quelle delle dimissioni per cercare di avvicinare imprenditori al Cosenza calcio. Nulla di nuovo in sostanza. Del resto da settimane la società aveva dichiarato palesemente di aver bisogno di sostegno, di forze fresche, per cercare di costruire una squadra da vertice anche in C1. Oggi, il CdA si è riunito e, dopo la relazione del diggì Mirabelli (che ha chiaramente fatto capire che, per la prossima stagione, ci vorranno quantomeno quattro milioni di euro per cercare di confrontarsi con altre realtà calcistiche di spessore), ha deciso di rimettere il proprio mandato. Una decisione che, a questo punto, dovrà richiamare l’attenzione degli imprenditori interessati alle sorti del Cosenza calcio 1914. Il 29 maggio, giorno in cui si riunirà il CdA potrebbero esserci importanti novità. Di seguito riportiamo il comunicato diramato dal Cosenza calcio 1914. “La società Cosenza calcio 1914 srl comunica che oggi pomeriggio, nella sede sociale presso lo stadio San Vito, si è riunita l’assemblea ordinaria dei soci. Presenti il presidente Damiano Paletta, il vicepresidente Pino Citrigno, l’amministratore delegato Pino Chianello, i soci Franco Salerno, Vittorio Iannucci e Raffaele Filippelli; assenti i soci Umberto De Rose e Nicola Gaetano. L’intervento del presidente Damiano Paletta ha aperto i lavori. Il massimo dirigente della società, dopo avere analizzato i successi della stagione appena conclusa, ha sottolineato che occorre necessariamente essere il più trasparenti possibili nella programmazione relativamente alla stagione 2009/2010. Dopo l’intervento del presidente Paletta, si è aperto un ampio e articolato dibattito in cui sono intervenuti tutti i soci presenti. Il passo successivo è stata la relazione consuntiva e programmatica del direttore generale Massimiliano Mirabelli. L’assemblea, dopo avere ringraziato il direttore generale per il lavoro svolto in questa stagione e soprattutto per avere interpretato il suo ruolo con estrema diligenza sposando in tutte le sue sfaccettature la causa della società, ha preso atto che dalla relazione programmatica dello stesso dg è emerso che i tifosi, la città e l’intera provincia meritano un programma ambizioso in vista della prossima stagione che vedrà il Cosenza partecipare al campionato di Prima divisione. Un aspetto condiviso da tutti ma che non ha potuto far passare in secondo piano i sacrifici sostenuti in queste ultime due stagioni che hanno ridato al Cosenza una dimensione calcistica consone alle sue tradizioni. Sacrifici improntati sulla correttezza, sulla trasparenza, senza avere mai deluso le aspettative e soprattutto senza mai avere illuso nessuno. Il programma di questa società prevedeva il ritorno in serie B in cinque anni. L’entusiasmo della tifoseria, della città e dell’intera provincia ha fatto sì che tutto l’ambiente chiedesse da subito il ritorno in serie B. E’ evidente che questo gruppo di dirigenti ha bisogno dell’aiuto di tutti per rivedere il progetto iniziale: allo stato attuale non ci sono le condizioni, proprio in virtù delle risorse economiche investite nelle ultime due stagioni, per garantire un programma ambizioso. Ecco perché, proprio per far sì che il nuovo progetto preveda la costruzione di una squadra di spessore già dalla prossima stagione, l’intero Consiglio di Amministrazione ha deciso di rimettere il proprio mandato; decisione apprezzata e accettata dall’intera assemblea. Il direttore generale Massimiliano Mirabelli gestirà l’ordinaria amministrazione per la chiusura della stagione in corso”. (c.c.)

Related posts