Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mercato: Danti e De Rose, operazione da un milione di euro

Mercato: Danti e De Rose, operazione da un milione di euro

Questa è la valutazione che la società ha dato ai suoi gioielli. Reggina ed Inter sull’attaccante, Parma e Bari sul centrocampista. I soldi serviranno a rifocillare le casse del sodalizio silano. 

danti_esulta_dopo_il_gol_del_1-1

Il fantasista Domenico Danti (21)

La situazione societaria impone delle scelte. A volte anche difficili e poco comprensibili. E’ il caso delle cessioni. Vendere giocatori può essere, in particolar modo adesso, un modo per rifocillare le casse del sodalizio silano. E allora ecco che, i pezzi pregiati, vengono messi in vetrina. E’ il caso di Domenico Danti (21) attaccante di San Giovanni in Fiore che in questi due anni si è messo in evidenza segnando gol e timbrando il cartellino con una certa continuità, e Francesco De Rose (22) centrocampista incontrista che è riuscito a migliorare e molto anche sotto l’aspetto tecnico oltre che tattico. I due gioielli sono in vendita. Il prezzo del cartellino di entrambi è stato valutato intorno ai 500.000 euro (un miliardo delle vecchie lire). In due si tratterebbe di un’operazione da un milione di euro che dovrebbe servire, lo ribadiamo, per rifocillare le casse societarie. La valutazione, però, secondo alcune società è troppa elevata. E’ il caso del Parma che è interessato a De Rose. Andrea Leone, nipote del procuratore Beppe Bozzo, è stato nelle scorse settimane in Emilia per discutere con la società di Ghirardi. L’inserimento del Bari nella trattativa potrebbe permettere al Cosenza di mantenere su quella cifra il prezzo del cartellino del centrocampista. Capitolo Danti. Il giocatore è legato a Mimmo Toscano (38). Se l’allenatore va a Reggio è certa la cessione al club amaranto del furetto di San Giovanni. In caso contrario Mirabelli potrebbe cedere il calciatore all’Inter che lo girerebbe al Cosenza per un’altra stagione. Quello che è sicuro è che il Cosenza proverà a piazzarli entrambi per cercare di racimolare un buon gruzzoletto e reinvestirlo per l’allestimento della squadra che affronterà il campionato di Prima Divisione. (Piero Bria)

Related posts