Tutte 728×90
Tutte 728×90

Citrigno: “Vado via perché non ci sono i presupposti per un grande Cosenza”

Citrigno: “Vado via perché non ci sono i presupposti per un grande Cosenza”

L’ex vicepresidente spiega il perché ha ceduto le quote. Poi aggiunge: “Mi hanno dato del pagliusiano, ma le trattative le hanno condotte loro”.

citrigno

Senza Citrigno meno rossoblù in società

La parte più “cosentina”  della società ha lasciato tutto e si è messo da parte. Pino Citrigno, già con sorrisi “tirati” sul viso domenica sera la San Vito, aveva dato l’impressione che di li a poco si sarebbe fatto da parte. E infatti ieri ha lasciato le sue quote societarie (erano l’11%) rimettendole in mano all’ad Pino Chianello. Oggi l’ex vicepresidente affida ai giornali le sue motivazioni. “II progetto dell’attuale società non soddisfava le mie ambizioni di vedere un Cosenza sempre più forte e vincente. La mia onestà intellettuale mi ha portato dunque a mettermi da parte e dare la possibilità ad altri di continuare in questo cammino. Avevo esternato perplessità già in tempi non sospetti. Però mi chiedo: Come mai nessun imprenditore cosentino si è fatto avanti per aiutare questo club? Purtroppo è una cosa a cui ancora non so dare risposta”. Citrigno tira in ballo anche la questione della cartella esattoriale, della quale si discuterà il prossimo 16 giugno: “Vi posso assicurare che non ha minimamente inciso sulla mia decisione, altrimenti avrei dovuto abbandonare la barca nel mese di ottobre, quando venni a conoscenza di questa pendenza nei confronti dello Stato. Tengo a smentire quanto spifferato sia negli spogliatoi che in città da qualche attuale dirigente del Cosenza: il signor Pino Citrigno non ha mai tirato tavolata alla famiglia Pagliuso e tutte le trattative sono state iniziate e portate avanti dagli attuali soci e dirigenti”. La conclusione del rapporto ctra Citrigno e il Cosenza calcio però potrebbero non essere definitiva, almeno stando alle parole conclusive dell’ex vicepresidente: ” Auguro alla società di risolvere tutto e dico sin da adesso che, nel momento in cui si formasse una dirigenza forte, come lo è stata in questo periodo, Citrigno sarà pronto di nuovo ad investire nel Cosenza».  (c.c.)

Related posts