Tutte 728×90
Tutte 728×90

Sganga: “Il mio progetto? Un cerotto, nulla più”. Paletta: “Ora tocca a Perugini”

Sganga: “Il mio progetto? Un cerotto, nulla più”. Paletta: “Ora tocca a Perugini”

Il commercialista spiega: “Non faccio concorrenza a Gaglioti o Perugini. L’obiettivo è comune”. Sugli “avvoltoi” dell’altro giorno: “Non era diretto all’Agenzia delle Entrate o allo Stato”. Intanto l’ex presidente lancia un messaggio al sindaco: “Spetta a lui far quadrare il cerchio”.

commercialista_sganga

Il commercialista Giorgio Sganga

A.A.A. Imprenditori cercasi… disperatamente! L’urlo lo lancia il Cosenza calcio a braccetto con sindaco e commercialisti. Per ora si attendono buone nuove ma Chianello è certo che per martedì ci saranno sostanziali novità. L’ottimismo regna sovrano e questo è l’importante. La nota diramata dal Comune di Cosenza al termine dell’incontro dei giorni scorsi tra il sindaco Perugini, il presidente della Camera di Commercio Gaglioti, Paletta e Chianello parla chiaro. “Gaglioti ha dettagliatamente informato il primo cittadino e gli amministratori della società sul contenuto e sugli esiti delle consultazioni avute nei giorni scorsi. Pur nelle difficoltà di evidente crisi economica che attraversa il Paese, ed il Mezzogiorno in particolare, vi sono imprenditori che, senza coinvolgimento alcuno nella gestione, intendono apportare significativi contributi finanziari. Esistono altri gruppi imprenditoriali – continua la nota – che hanno manifestato interesse a coinvolgersi direttamente nella società e, quindi, nella gestione della stessa”. Insomma, a breve qualcosa dovrebbe accadere. A dirsi soddisfatto del lavoro di Gaglioti (che ha consegnato una relazione riepilogativa alla società) è stato anche Damiano Paletta (prossimo direttore marketing del Cosenza dopo le dimissioni da presidente). “Siamo soddisfatti del lavoro svolto dal presidente della Camera di Commercio, Gaglioti, che ha preso un impegno e lo ha portato a termine – ha precisato Paletta su Gazzetta del Sud -. Ora toccherà al sindaco avviare gli incontri per cercare la quadratura del cerchio”. Ma è sempre il contenzioso col Fisco a tenere banco. Ancora una volta, quando si tocca questo tasto, è il commercialista Giorgio Sganga a scendere in campo. “L’Agenzia delle Entrate di Cosenza in questa “querelle” c’entra poco, nel senso che ha copiato passo passo le questioni rilevate dalla Guardia di Finanza dopo quattro anni di accertamento. A mio avviso c’è stata un po’ di confusione nell’attribuzione dei ruoli. Le persone che hanno a cuore i colori rossoblù possono tranquillamente avvicinarsi al Cosenza calcio. Se ci sono forze sane, che ben vengano. Il verbale seguirà la via giudiziaria, ed alla fine trionferà la giustizia”. In chiusura Sganga sottolinea anche dalle colonne di Calabria Ora. “Per quanto riguarda il mio progetto, non era in concorrenza con quello di Gaglioti e del sindaco. Era solo una strada alternativa. Un cerotto, nulla di più. Ma devo riconoscere che entrambi hanno fatto un buon lavoro. Poi, tornando sulle parole dette l’atro giorno, vorrei sottolineare che non erano assolutamente rivolte all’Agenzia delle Entrate o allo Stato, ma solo a chi vuole il male del Cosenza”. La speranza è che i complimenti che si dispensano gli attuali protagonisti corrispondano realmente all’epilogo di una vicenda che da troppo tempo sta tenendo sulla corda i tifosi cosentini. (co.ch.)

Related posts