Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il Taranto è salvo: la presidenza passa a D’Addario

Il patron Blasi cede la metà esatta delle quote societarie al magnate automobilistico e resterà in società con il compito di ricoprire gli incarichi tecnici. Al neo presidente dei rossoblu spetterà la gestione dei rapporti istituzionali e dell’amministrazione.

blasi.prestaranto

L’ormai ex presidente Blasi

Una telenovela organizzata da tempo o una trattativa lampo? Non è ancora del tutto chiaro, al popolo di fede rossoblu, il passaggio delle quote societarie dalle mani dell’ormai ex presidente Blasi al nuovo patron D’Addario. L’ex numero uno del Taranto, negli ultimi mesi, aveva sbandierato la volontà di cedere per intero la società pugliese ma, raggiunto l’accordo con la nuova proprietà, ha ufficializzato che resterà con incarichi diversi negli organigrammi societari del club. La notizia vera però, è che il nuovo presidente, magnate nel campo automobilistico, ha rilevato il 50  per cento delle quote del Taranto e ricoprirà la carica di presidente. A questo punto, il sodalizio, sull’orlo della crisi economica e col concreto rischio di ripartire dalle categorie dilettantistiche, effettuerà la ricapitalizzazione, garantendo alla tifoseria l’iscrizione ed un futuro più roseo. Restano da chiarire però i dettagli dell’operazione. Blasi, contestato dai tifosi rossoblu aveva dichiarato di voler mollare. Ora si trova a condividere le quote con un socio che con molta probabilità, sarà nettamente in minoranza, visto e considerato che i quadri societari dovrebbero restare immutati e nel sodalizio rossoblu rimarranno tutti gli uomini del presidente. La tifoseria intanto non sembra aver gradito la telenovela di Blasi e non è del tutto soddisfatta dell’operazione condotta senza ascoltare il parere del sindaco Stefanò, incaricato del compito di fare da Mecenate per gli imprenditori interessati al Taranto.  (Francesco Palermo)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it