Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il saluto commosso di Occhiuzzi: “Grazie di cuore a tutti”

Il saluto commosso di Occhiuzzi: “Grazie di cuore a tutti”

Il principe in una ristretta conferenza stampa: “Ci sono rimasto male, ma rimarrò per sempre un tifoso del Cosenza”.

dscf5020

Roberto Occhiuzzi saluta la piazza rossoblù

I sorrisi con i quali Roberto Occhiuzzi (30) ha iniziato la “sua” personale conferenza stampa questo pomeriggio si sono trasformati col passare dei minuti in lacrime e commozione. Per uno come lui che i colori rossoblù li ha tatuati sulla pelle non deve essere facile vivere questi giorni. “Dopo due anni stupendi  – sottolinea – è normale che ci sia rimasto male della mancata riconferma. Ma non faccio polemiche, anche perché le cose che dovevo dire le ho sempre dette. A tutti, nessuno escluso. Questa conferenza stampa l’ho voluta solo per salutare pubblicamente tutte le persone che mi sono state vicino in questi anni, dai magazzinieri allo staff medico, dai massaggiatori allo staff tecnico, alla dirigenza tutta. Ma il ringraziamento più grande va soprattutto ai tifosi, anche a chi mi ha fischiato quest’anno”. Dopo due anni che non scorderà certo facilmente, Occhiuzzi adesso è senza squadra, ma più che pensare al suo futuro pensa ancora al Cosenza, questa volta da tifoso. “Io spero col cuore che l’anno prossimo si possa puntare alla B e appena potrò sarò al San Vito, in Curva Sud da ultras. Sono e rimarrò sempre tifoso del Cosenza e poi, qualora si dovesse arrivare in cadetteria subito, io mi sentirei parte della promozione lo stesso perchè ho partecipato attivamente alla rinascita della squadra”. A proposito di squadra, Roberto si sofferma su diversi compagni di avventura. “Altro ringraziamento va ai miei compagni. Sia quelli della serie D sia quelli di quest’anno. Ma il mio abbraccio più grande va a Nello Parisi, capitano vero, Massimino Morelli, mio fratello, Stefano Ambrosi e Ivan Moschella, miei amici, Luca Chianello e Domenico Fabio, miei fratellini più piccoli”. Chiusura con commozione appunto: “Chiudo con un saluto particolare a Francesco, Giancarlo e tutti i tifosi disabili che ogni domenica ci seguivano con tanto affetto”. Adesso per Roberto vacanze con il sole e il mare di Cetraro. E domenica grande rimpatriata al matrimonio di Alessio Galuntucci. (Daniele  Mari)

Related posts