Tutte 728×90
Tutte 728×90

Crac Cosenza 1914 SpA: Pagliuso in aula a dicembre

I pm della Procura di Cosenza lo accusano di aver “stornato” i fondi dei diritti televisivi per dirottarli suoi suoi conti correnti. L’ex presidente del Cosenza è accusato di aver creato un ammanco di cinquemilioni di euro.

pagliuso

L’ex patron Paolo Fabiano Pagliuso

A dicembre l’ex patron rossoblù, Paolo Fabiano Pagliuso, tornerà in aula per la ripresa del processo a suo carico. Erano altri tempi, il 2001, con il Cosenza in serie B e Pagliuso al suo timone. Tempi che torneranno d’attualità a partire dal mese di dicembre, quando comincerà il processo per bancarotta fraudolenta a carico dell’ex patron della società calcistica. La Procura aveva chiesto, nel mese di marzo, il rinvio a giudizio per l’imprenditore. Lo stesso Pagliuso, poi, aveva “rilanciato” due mesi più tardi, con la richiesta di giudizio immediato. L’ex presidente del Cosenza è accusato di aver creato un ammanco di cinquemilioni di euro. Sarebbero finiti in un buco nero la cui esistenza è emersa dalle analisi effettuate sui bilanci della società da un consulente tecnico reclutato dalla Procura. Per i sostituti procuratori si tratta di distrazione di fondi così come riporta questa mattina Calabria Ora. Denaro preso dai bilanci e spostato altrove. Soldi «provenienti – è quello che scrivono i pm nel capo d’accusa – dalle anticipazioni erogate alla Cosenza Calcio 1914 dalla “Abf factoring Spa” di Milano, quale cessionaria dei crediti vantati dalla società calcistica nei confronti della Lega Calcio a titolo di diritti televisivi”. In tutto, i movimenti di denaro evidenziati sono 34, e vanno dal 16 marzo 2001 al 9 maggio 2002, per un totale di 5 milioni e 470mila euro. (co.ch)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it