Tutte 728×90
Tutte 728×90

Lega Pro: anche Abete con Macalli, “Riformulare serie B e Lega Pro”

Lega Pro: anche Abete con Macalli, “Riformulare serie B e Lega Pro”

Il presidente della Figc: “Affronteremo l’argomento per i campionati 2010-2011. Negli ultimi anni – ha spiegato Abete – sono evidenti le difficoltà delle formazioni che dalla B retrocedono in Lega Pro”.

 

abete

Il presidente Figc, Giancarlo Abete

Il 27 luglio è il termine ultimo per presentare la domanda di ripescaggio in Seconda Divisione: la decisione verrà presa dal Consiglio Federale il 30 luglio. A tal proposito è intervenuto il presidente della Figc, Giancarlo Abete. “Per i ripescaggi – ha sottolineato Abete – quest’anno è stato deciso di aggiungere una garanzia economica in più: chi vorrà usufruire di questa opportunità non avendo acquisito sul campo il diritto sportivo, dovrà presentare una fideiussione di un milione di euro per la Prima Divisione e 500mila per la Seconda”. Non solo ricorsi all’ordine del giorno, ma anche scenari futuri di regole nuove e campionati riformulati e ripensati per ridurre il numero dei club professionistici. Il presidente della Lega Pro, Mario Macalli, all’uscita del Consiglio federale, ha chiesto infatti con forza regole uguali per tutti per partecipare ai campionati di serie B e Lega Pro: “Affronteremo l’argomento per i campionati 2010-2011. Negli ultimi anni – ha spiegato Abete – sono evidenti le difficoltà delle formazioni che dalla B retrocedono in Lega Pro, anche per l’assenza di quel paracadute che invece esiste dalla A alla B. Resto dell’idea che non bisogna guardare solo al debito di una società, ma allo stato patrimoniale nel suo complesso”. Il presidente della Federcalcio ha rilanciato anche l’impegno a portare avanti il progetto (di cui si discute da molti anni) per la riduzione del numero dei club professionistici in Italia, dopo che lo stesso Macalli aveva ricordato “l’ottima idea” della Lega dei vari Sensi e Giraudo di dividere la serie B in due gironi e la vecchia C in tre. “Ci pensiamo eccome ad una ristrutturazione dei campionati – ha ammesso – ma servono numeri e consenso. Non è un problema di politica, ma serve l’assenso della maggioranza per cambiare lo statuto e i format dei campionati”. Confermato l’impegno assunto nei giorni scorsi con il ministro degli Interni, Maroni di realizzare in tempi rapidi il progetto della “Tessera del tifoso” della Nazionale, Abete ha convocato per il 21 luglio due gruppi di lavoro che si occuperanno del problema dei calciatori extracomunitari e della riforma dello Statuto della Figc; il rapporto dell’Ocse sui rischi di infiltrazioni criminali nei movimenti finanziari che riguardano il calcio. Tutto invariato invece per il prossimo campionato di Serie A con il criterio della classifica avulsa per l’attribuzione dei titoli in palio alla fine del campionato e per la formulazione della classifica finale di campionato; per la Serie B, sarà adottato anche per la prossima stagione la formula dei play-off e play-out per promozioni e retrocessioni. Ratificati infine i provvedimenti delle singole Leghe in merito ai calendari e alle date dei rispettivi campionati. (co.ch.)

Related posts