Tutte 728×90
Tutte 728×90

Dal Genoa con furore: Scotto, “Sta nascendo una grande squadra”

L’attaccante, prodotto del vivaio genoano, sta entusiasmando tutti nel ritiro di Spoleto. “E’ la mia prima esperienza importante e sto lavorando tanto per farmi trovare pronto. Voglio dimostrare il mio valore e Cosenza è la piazza giusta”. 

scotto_rivelazione

L’attaccante Luigi Scotto (19)

Sedici gol nella primavera del Genoa ed una Coppa Italia, vinta sempre con i liguri nella scorsa stagione, sono un ottimo biglietto da visita per Luigi Scotto (19), attaccante che tra due mesi esatti compirà diciannove anni, approdato quest’anno alla corte di Mimmo Toscano. E’ un talento in erba Scotto che, già dai primi allenamenti svolti nel ritiro di Spoleto, ha dimostrato la voglia di mettersi in luce, sorprendendo positivamente i più anziani del gruppo. “Sono contento di aver iniziato bene – queste le prime parole della punta rossoblù – e dovrò fare del mio meglio per ripagare la fiducia di chi mi ha portato qui. Devo ringraziare tutti i compagni e lo staff al completo perché mi stanno aiutando ad inserirmi. Inoltre, se devo essere onesto, mi sto trovando davvero a meraviglia in un collettivo formato da professionisti seri e uomini in gamba”. Scotto ha commentato favorevolmente i primi giorni di ritiro ed ha avuto parole di elogio per diversi nuovi compagni. “De Rose e Roselli sono due fenomeni in mezzo al campo, Porchia è un leader ed in generale siamo una squadra talentuosa che saprà dire la sua nella prossima stagione. Personalmente, farò del mio meglio per trovare minutaggio e per esprimere al meglio le mie qualità”. Deciso e senza peli sulla lingua Scotto che parla anche del ruolo che avrà in campo. “Toscano mi ha provato da esterno d’attacco e da punta centrale. Io non ho problemi a fare tutti e due i ruoli perché in passato li ho ricoperti entrambi con ottimi risultati. Per me è importante giocare, non importa il ruolo, basta essere in campo e far gol con questa maglia”. Nonostante la giovane età, la punta di proprietà dei grifoni, ha già vinto una Coppa Italia Primavera, giocando la finale in un Marassi gremito. Il San Vito, quindi, sarà uno stimolo in più per il calciatore. “Non vedo l’ora che inizi la stagione. C’è tanta attesa e voglia di mettersi alla prova, perché siamo consapevoli di essere una buona squadra e solo il campo potrà ripagare gli enormi sacrifici che stiamo facendo”. (Francesco Palermo)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it